Serie A, Calcagno: «Ritiri collettivi sono un problema»

Calcagno aic
© foto Twitter

Serie A, il vicepresidente dell’AIC Calcagno su protocollo, ritiri e possibilità di infortuni ai calciatori

Il vicepresidente dell’AIC Umberto Calcagno, in una lunga intervista a Radio Kiss Kiss, ha sottolineato con soddisfazione i passi avanti fatti in relazione al protocollo per la ripresa della Serie A. Resta il problema dei ritiri collettivi, osteggiati anche dai calciatori, e sulla possibilità di infortuni legati al lungo periodo di inattività.

PROTOCOLLO – «Nella stesura degli ultimi protocolli non siamo stati coinvolti, ma molte osservazioni fatte alla fine sono state recepite. C’è unità di intenti».

RITIRI – «È una criticità che speriamo di risolvere. In caso di positività di un calciatore durante le competizioni, in caso di ritiro, la squadra viene coinvolta e difficilmente potrebbe partecipare al torneo».

CALCIATORI – «Vogliono tornare a giocare e alla normalità, però bisogna evitare le strumentalizzazioni. Ognuno ha la sua personale percezione del pericolo, noi invece abbiamo la responsabilità delle decisioni»

INFORTUNI – «Senza dubbio c’è qualche rischio in più. Il periodo di sosta è stato lungo, è un problema che dovremo affrontare».