Serie A, onorevole Nobili: «Abbonati allo stadio entro fine stagione»

© foto Twitter

Serie A, la contesa si sposta sul terreno delle partite in chiaro e sul ritorno dei tifosi allo stadio. Ottimista il deputato Nobili: «Ci stiamo lavorando»

Partite in chiaro e tifosi allo stadio, questi gli obiettivi dichiarati dal deputato di Italia Viva Luciano Nobili, intervistato da TMW Radio.

PARTITE IN CHIARO – «È importante per la ripartenza del Paese ricominciare con il calcio. Il calcio dà lavoro a migliaia di persone, non solo ai campioni. Era importante che si ripartisse, finalmente ci siamo. Sono convinto che le partite in chiaro, come in Germania, saranno salutate da una grande attenzione. E poi vedremo di riaprire in maniera graduale gli stadi ai tifosi. Speriamo sia un bello spettacolo».

QUARANTENA – «Italia Viva ha fatto una battaglia sulla follia della quarantena di squadra. Oggi un’azienda se ha un positivo non chiude e va in quarantena tutta l’azienda. Credo che i protocolli della Figc, con controlli settimanali, sono la strada giusta. Il rischio di contagio c’è sempre, facciamo in modo che il calcio venga fermato da procedure assurde».

STADIO – «Ci stiamo impegnando anche su questo, chiedendo di procedere con tranquillità. Ci dovranno dare una mano anche i tifosi, ci deve essere disponibilità al distanziamento. Se la curva continuerà a decrescere, prima della fine del campionato si può immaginare un graduale rientro dei tifosi allo stadio, partendo dagli abbonati, per poi arrivare a fine anno ad una riapertura totale».