Tae Hyun Tarık Kim, Sampdoria Club Corea del Sud: «Faccio conoscere la Samp ai miei connazionali»

© foto Sampdoria Club Corea del Sud

Esclusiva SampNews24 – La Sampdoria è i suoi tifosi! Riprende il nostro viaggio per conoscere i tifosi blucerchiati sparsi per il mondo. Oggi siamo in Corea del Sud per conoscere Tae Hyun Tarık Kim, fondatore del Sampdoria Club Corea del Sud

Il nostro viaggio alla scoperta delle realtà di tifo blucerchiato sparse per il mondo continua e oggi giunge in Corea del Sud. Tae Hyun Tarık Kim è l’unico sostenitore della Sampdoria nonché Presidente del Sampdoria Club Corea del Sud. Il fatto di essere da solo è stata una scoperta poco piacevole ma è diventata anche una missione: far conoscere la Sampdoria nel suo paese. Con lui abbiamo parlato di tante cose dalla sua passione al campionato dei blucerchiati, a come vive le partite e soprattutto il Derby della Lanterna: «Il Sampdoria Club Corea del Sud è nato il 14 giugno 2013, la ragione che mi ha spinto a crearlo è stata quella di voler conoscere altri tifosi blucerchiati qui in Corea. Con dispiacere ho scoperto che c’è un unico coreano appassionato di Sampdoria, il sottoscritto. Non ho mai pensato fosse difficile seguire la Sampdoria dal mio paese. Sto studiando italiano, riesco a tradurre gli articoli e non è difficile trovarne tramite l’utilizzo di Google. C’è una comunità molto attiva di appassionati di Serie A in Corea, molti scrivono articoli in merito. Non mi aspettavo di essere il solo tifoso ma di conseguenza spesso traduco gli articoli che riguardano la Sampdoria per tenere aggiornata la comunità anche sulla nostra squadra».

Il simbolo del Sampdoria Club Corea del Sud

GIAMPAOLO: UN RINNOVO CHE FA BEN SPERARE – La notizia del contratto siglato da Giampaolo ha reso molto contento Tae Hyun Tarık Kim: «Sono soddisfatto del rinnovo del Mister, ho letto le sue statistiche nel periodo che allenava l’Empoli e so che i giocatori giovani con lui si trovano bene. Penso che sia l’allenatore giusto per la Sampdoria e che potrà ottenere risultati migliori con tanti giovani talenti a disposizione. Il prossimo obiettivo della Sampdoria? Questa stagione sarà soddisfacente se arrivi tra le prime dieci. Sarebbe bello combattere per l’Europa League la prossima stagione, penso che anche quest’anno saremmo potuti arrivare più in altro se non ci fosse stato un calo. Più che la Coppa Italia sarebbe bello lottare per l’EL. Dei giocatori di questa squadra, se dovesse sceglierne il mio preferito è inevitabile dire Patrik Schick: non credevo che potesse fare così bene in questa squadra quando è arrivato ma ha un buonissimo possesso palla, un buon dribbling, una struttura fisica che lo aiuta molto e una buona tecnica. Mi auguro che diventi la stella della Sampdoria e che rimanga con noi».

Tae Hyun Tarık Kim, Presidente del Sampdoria Club Corea del Sud

DERBY DELLA LANTERNA: IN COREA CONSIDERATO IL MIGLIORE – Veniamo alle partite e a come vengono seguite in Corea: «Per chi segue la Serie A in Corea del Sud il Derby della Lanterna è uno dei migliori. E io non posso che essere d’accordo con loro. I derby suscitano sempre molto interesse. Il giorno della partita di solito cerco gli articoli dedicati alla stracittadina e guardo quali che abbiamo già disputato. Resto nervoso tutto il giorno, è la partita più elettrizzante di tutte, nonché la più importante. Durante la partita bevo sempre una birra, mi auguro un giorno di poterne vedere uno dal vivo a Genova. Ho amici in tanti paesi con cui mi tengo in contatto su Facebook: Francia, Brasile, Germania, Malta, Indonesia, Giappone. Ho un buonissimo rapporto con i ragazzi di Indosamp e il Sampdoria Club Tokyo. Tramite Facebook sono riuscito a conoscere tanti tifosi blucerchiati con cui parlare della nostra passione, condividere gioie e dolori. Molti mi dicono di avvisarli quando andrò a Genova non vedo l’ora di conoscerli in occasione di una partita al Luigi Ferraris».

 

Articolo precedente
lulic sampdoriaAg. Lulic conferma: «Via dall’Osijek. A breve incontro con la Sampdoria»
Prossimo articolo
sampdoria gradinataGrande Torino, l’omaggio della Sampdoria ai campioni granata