Connettiti con noi

Gli Ex

Dossena: «La Sampdoria si sta smarrendo. Ferrero? Cairo più strutturato»

Pubblicato

su

Il doppio ex di Torino Sampdoria, Beppe Dossena, ha parlato del momento delle squadre e del suo passato. Le sue dichiarazioni

Intervenuto ai microfoni di toronews.net, Beppe Dossena, in veste di doppio ex, ha parlato di Torino Sampdoria, soffermandosi sul momento dei due club e sul passato. Le sue dichiarazioni.

TORINO SAMPDORIA «Il Torino è una squadra solida, molto solida. Ha una precisa identità e ha raccolto meno di quello che ha prodotto e mostrato sul campo. In tal senso Ivan Juric è una garanzia. La Sampdoria, invece, è partita molto bene soprattutto contro le grandi. Si sta però smarrendo contro le squadre sulla carta alla pari nei match che avrebbero dovuto dare una svolta al campionato. Sembrerebbe una partita con un pronostico di un certo tipo: Torino leggermente favorito. È anche vero che si giocherà la terza partita in una settimana e quindi si dovrà fare i conti anche con la condizione fisica. In tal senso, diventa una partita indecifrabile».

PASSATO «Significa venire a fare la radiocronaca per la Rai, significa la mia adolescenza a Torino, significa i miei primi sette anni tra i professionisti, significa dall’altra parte due anni e mezzo ricchi di vittorie. Sono due aspetti della mia vita molto importanti, i più importanti: il Torino mi ha permesso di fare la professione che ho sempre sognato, mentre la Sampdoria mi ha dato l’opportunità di vincere tanto. Sotto la Mole ho lasciato grandi ricordi, soprattutto quelli giovanili».

CAIRO FERRERO – «Hanno due modi di condurre un club calcistico molto differenti. Hanno due modi di fare gli imprenditori molti differenti: Cairo è più strutturato anche perché l’editoria ti obbliga a essere più strutturato rispetto al settore cinematografico. Credo che siano due personaggi agli antipodi. Sono agli opposti per come concepiscono il business e per come lo conducono».