Torreira ci crede: «Conquistiamo un posto in Europa»

Torreira Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Torreira pensa alla Sampdoria e al mondiale in Russia: il sogno è una qualificazione in Europa League e, ovviamente, una convocazione con l’Uruguay

I sogni nel cassetto di Torreira sono noti: continuare a fare bene con la Sampdoria, che lo ha fatto maturare, crescere e conoscere al grande pubblico, e riuscire ad ottenere un biglietto per la Russia con la nazionale uruguaiana. Il centrocampista, ormai pedina fondamentale nello scacchiere di Giampaolo, non nasconde che il miglioramento è stato frutto del grande lavoro che ha fatto in questi anni in Italia e che oggi può raccoglierne i frutti facendosi conoscere anche in patria. La maglia della nazionale è uno dei suoi grandi obiettivi, conquistarla e partire per la Russia sarebbe un sogno che si avvera, come non nasconde ai microfoni della radio uruguaiana 970 AM Universal.

Ma prima viene la Sampdoria: «Voglio continuare a crescere e giocare nei migliori campionati del mondo» esordisce «In campionato stiamo andando bene: sono cinque partite che non subiamo una sconfitta e vogliamo arrivare in Europa League. È questo il nostro obiettivo». E sulla possibilità di essere chiamato in Nazionale: «A marzo potrebbe essere l’ultima occasione per essere convocato per la Coppa del Mondo, con Ramirez spesso ne parliamo e mi da sempre molti consigli. In carriera ho sempre giocato in questo ruolo, per tre anni poi sono stato schierato davanti alla difesa. Non ho un riferimento particolare, cerco però di cogliere le qualità degli altri giocatori che giocano in questa posizione. Il sostegno del pubblico è importante, quando giochiamo in casa, essendo le tribune molto vicine lo sentiamo. In Italia il calcio è molto importante, per questo motivo l’uscita della nazionale azzurra dai mondiali è stata un duro colpo».

Articolo precedente
Giampaolo, primo scontro con Gattuso: l’obiettivo +6 non è impossibile
Prossimo articolo
carnevali sassuoloCarnevali sbotta: «La Sampdoria non ci è superiore»