Torreira, parla l’agente: «È ancora legato alla Sampdoria»

torreira arsenal
© foto Twitter

Bentancur, agente di Torreira, parla dell’interesse di tanti club di Serie A per l’ex centrocampista della Sampdoria

Pablo Bentancur, agente di Lucas Torreira, parla ai microfoni di calciomercato.com dell’interesse di diverse squadre di Serie A per l’ex centrocampista della Sampdoria oggi all’Arsenal.

SEGUI QUI TUTTE LE OPERAZIONI DI MERCATO DELLA SAMPDORIA

SAMPDORIA – «Fino ad adesso non ne ho voluto parlare pubblicamente. Lui è molto legato alla Sampdoria e da Londra seguiva sempre le partite, anche soffrendo. Chi conosce Lucas sa che non lo fa per piaggeria. Ci sono tante richieste, ma ancora niente di ufficiale. Ho ricevuto molti sondaggi, anche troppo pubblicizzati, ma non abbiamo nulla di scritto sul tavolo. Il giocatore si sta allenando con l’Arsenal, è di loro proprietà, ed è uno dei pochi casi di atleti che arrivano in Inghilterra e giocano 50 partite di fila. Dopo ha avuto un brutto infortunio, non si è dovuto sottoporre a interventi ma il rientro è stato un po’ complicato. Deve fare una scelta tecnica l’allenatore, deve decidere se veramente ha bisogno di Torreira o no, ma tutto questo di cui parla la stampa è più pubblicità che realtà. Oggi il mercato è un po’ fermo, offerte ufficiali, lo ripeto, non ce ne sono».

TORINO – «Il calcio si deve dividere in due parti, quella sportiva e quella economica. Sportivamente Torreira è perfetto per il Torino, dove c’è Giampaolo che lo ha sempre voluto, ma bisogna essere consapevoli del fatto che l’Arsenal avrà una richiesta corposa, e anche lo stipendio di Lucas penso sia un po’ troppo alto per il Torino».

CONTATTI – «Qualche telefonata mi è arrivata, ma niente ufficiale. Prima l’Arsenal deve avere l’ok del mister per la cessione, e poi penso che i Gunners vorranno venderlo a titolo definitivo. È normale che sia ricercato dalle società italiane, è un giocatore molto moderno e ha già dimostrato di essere adatto alla Premier e alla Serie A. Ho avuto qualche telefonata ma niente di ufficiale, prima  comunque dobbiamo conoscere pubblicamente la posizione del mister».