Udinese-Sampdoria, la moviola: tre ingenuità, tre rigori

Torreira Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Tutti gli episodi di Udinese-Sampdoria analizzati in diretta minuto per minuto

Doveva essere la gara della maturità e invece è arrivata la prima sconfitta stagionale. Una Samp troppo brutta per essere vera cade alla Dacia Arena contro un’Udinese decisamente propositiva e che ha sfruttato tutti gli errori commessi dai blucerchiati, che dopo un buon inizio di gara hanno lentamente abbandonato la partita, prima regalando un calcio di rigore e poi un uomo con l’espulsione di Barreto. Nella ripresa nonostante i cambi i friulani trovano il raddoppio su un altro calcio di rigore per fallo di Torreira e poi chiudono con Maxi López. Gestione della gara del signor Fabbri abbastanza equilibrata: il primo giallo ai danni di Barreto era forse severo ma il secondo era forse da cartellino arancione. Entrambi i rigori ci sono, sul primo è sciocco Puggioni a uscire nonostante l’imminente arrivo di Silvestre sull’uomo, il contatto Torreira-Fofana è veniale ma con l’uomo in area anche il minimo contatto piede-caviglia è fallo. Il terzo invece è davvero generoso, il tamponamento Strinic-Fofana è più una ricerca del contatto da parte del bianconero.

Udinese-Sampdoria: gli episodi del primo tempo

Dopo 3 minuti di gioco durissima entrata di Behrami ai danni di Torreira, l’arbitro opta per non estrarre il cartellino giallo. Al nono di gioco timide proteste della Samp su un calcio di punizione che Ramirez mette in mezzo infrangendosi però sulla barriera: chiesto un tocco di mano non ravvisato dalla terna arbitrale.
Al 12′ Zapata rischia a sua volta il cartellino su un tentativo di pressing che va a finire sul piede di Stryger Larsen: l’arbitro concede vantaggio per il prosieguo dell’azione bianconera e una volta interrotta mantiene il suo metro di giudizio, riservandosi i cartellini per interventi decisamente più passibili di sanzioni, come la gamba alta di Barak un minuto dopo su Torreira punita proprio col giallo.
Al 20′ Udinese pericolosa con Lasagna che scatta su un lancio di Barak, con Puggioni che esce provvidenzialmente di testa per fermare il pericolo. Gioco che viene fermato per fuorigioco ma posizione del bianconero che sembrava in linea, chiamata difficilissima dell’assistente.
Al 25′ calcio di rigore per l’Udinese: rimessa rapida battuta dai bianconeri e Puggioni esce senza motivo per coprire Maxi López tamponandolo appena dentro l’area di rigore. Incredibile sciocchezza dell’estremo difensore.
Al 38′ De Paul rischia il cartellino rosso fermando col braccio un pallone in possesso della Samp proprio per fallo dell’argentino su Strinic, cartellino che arriva a Barreto per un’entrata a centrocampo da ammonito: gara compromessa per i blucerchiati. Ammonizione arrivata in precedenza per un contatto con Samir, punizione nel complesso severa ma entrata sul secondo giallo davvero sconsiderata.
Al 45′ fallo tattico di Dennis Praet su una ripartenza bianconera: azione che prosegue ma al suo termine l’arbitro non ammonisce il belga, graziato da Fabbri.

Udinese-Sampdoria: la moviola del secondo tempo

Al 7′ possibile rigore per la Samp per un contrasto di Behrami in area su Zapata: intervento dell’elvetico giudicato però regolare dall’arbitro.
Al 15′ altro contatto in area friulana con Zapata e Behrami di nuovo protagonisti: anche in quest’occasione il signor Fabbri lascia correre.
Al 19′ altro calcio di rigore per l’Udinese: Fofana appena entrato salta Ferrari e viene steso da Torreira che nel tentativo di prendere il pallone aggancia la caviglia dell’avversario.
Al 30′ ammonito Fofana per aver calciato il pallone a gioco fermo dopo la segnalazione di un fuorigioco ai danni dell’Udinese, decisione ineccepibile a termini di regolamento.
Al 37′ giallo per Balic per un intervento simile per dinamica al giallo arrivato a Barreto in occasione del rosso: sanzione giusta.
Al 49′ arriva anche il terzo calcio di rigore per i friulani: Fofana entra in area e da dietro si tocca con Strinic cadendo abbastanza platealmente. Rigore piuttosto generoso.