Verre alza la mano: Giampaolo può contare su di lui

© foto Valentina Martini

Ottimo ingresso in campo contro la Juventus: Verre sente la fiducia di Giampaolo e vuole mettersi in mostra, conquistando un posto importante nelle gerarchie

Con Praet infortunatosi a metà del primo tempo nel match contro la Juventus, Giampaolo è dovuto correre ai ripari giocandosi la carta Linetty, un cambio che l’allenatore della Sampdoria avrebbe certamente preferito utilizzare nel secondo tempo per richiamare in panchina Barreto. Col polacco in campo, così, l’unico giocatore a disposizione del tecnico blucerchiato in grado di permettere una sostituzione conservativa era naturalmente Valerio Verre. L’ex Pescara, dopo il primo tempo incolore contro l’Atalanta al termine del quale era stato sostituito proprio da Linetty, sembra uscito dai radar di Giampaolo, giocando in un mese appena 2′ contro il Chievo.

Contro i bianconeri, però, un po’ per necessità e un po’ per la grande fiducia nutrita dall’allenatore svizzero nei confronti del classe ’94, il centrocampista scuola Roma ha ritrovato il campo: poco più di un quarto d’ora per il numero 21 doriano, minuti nei quali però Verre ha contribuito a mantenere il possesso palla e a schermare le ultime offensive degli uomini di Allegri. Un ingresso, tutto sommato, molto positivo, che molto dice sulle potenzialità della rosa a disposizione di Giampaolo. Il passo successivo, naturalmente, sarà quello di conquistare ulteriore minutaggio mantenendo costante l’impegno e l’attenzione negli allenamenti e, magari, risultando ancor più incisivo quando sarà chiamato a partita in corso. Il tempo è dalla parte del giovane centrocampista, e la stima del tecnico nei suoi confronti è grande: gli elementi per disputare una grande seconda parte di stagione ci sono tutti.