Verso la Tim Cup: l’analisi delle possibili avversarie della Sampdoria

sampdoria gradinata
© foto Valentina Martini

Manca ormai poco all’esordio della Sampdoria in Coppa italia: ecco una breve analisi di Vicenza e Foggia, le possibili sfidanti dei blucerchiati

Dopo le quattro amichevoli giocate al fresco in montagna, l’esordio ufficiale stagionale, per la Sampdoria, è ormai vicino: sabato 12 agosto i blucerchiati scenderanno in campo per la prima partita che conta della stagione 2017/18, il terzo turno preliminare di Coppa Italia. Di fronte, i ragazzi di mister Giampaolo si troveranno una fra Vicenza e Foggia, la prima retrocessa la scorsa stagione dalla B alla Lega Pro, la seconda promossa nel campionato cadetto. Andiamo dunque a vedere di che squadre si tratta, analizzando le caratteristiche di entrambe le compagini. Il Vicenza arriva dal sonoro 4-1 inflitto alla Pro Piacenza il 30 luglio: al “Menti”, i biancorossi hanno strapazzato i romagnoli grazie alle reti di Giacomelli – doppietta -, Malomo e De Giorgio, assicurandosi così il pass per il confronto contro i rossoneri. Il sistema di gioco utilizzato dai veneti è il 4-3-3, un modulo quasi speculare a quello utilizzato da mister Giampaolo che, nel caso fosse il Vicenza a presentarsi al Ferraris, potrebbe comportare problemi ai blucerchiati in fase d’attacco, con il crearsi di duelli individuali e marcature a uomo. Andrà fatta attenzione, soprattutto, alle ali biancorosse, De Giorgio e Giacomelli, veloci e abili nel dribbling – un pericolo in più, date le gambe un po’ imballate dei difensori a fine ritiro.

Per quanto riguarda il Foggia, l’impianto di gioco utilizzato da mister Stroppa è ancora il 4-3-3, un modulo che fa affidamento sulla velocità delle ali Maza e Sarno – un giocatore, quest’ultimo, per il quale si pronosticava, qualche anno fa, una carriera ben più brillante. Rischio di ingorgo a centrocampo anche in questo caso dunque, a causa della quasi-specularità dei moduli. I pugliesi possono poi contare su giocatori di esperienza, soprattutto in difesa, come Rubin e Angelo, vecchie conoscenze della Serie A. A proposito di vecchie conoscenze, la Sampdoria ritroverebbe un ex – dal dente avvelenato? -, Francesco Fedato, meteora passata da Genova che ha rescisso da poco il suo contratto con il club di Corte Lambruschini per firmare proprio con il Foggia. Certamente i rossoneri sembrano avere più qualità e un impianto di gioco più consolidato rispetto al Vicenza: il 6 agosto la Samp conoscerà il nome del suo primo avversario stagionale, ma l’imperativo, a prescindere da chi sarà lo sfidante, sarà vincere, a magari anche convincere i propri tifosi, dato il malumore serpeggiante per una campagna acquisti finora poco esaltante.