Vink, dall’eurogol nel derby alle… slot machines

marciano vink poker
© foto Twitter

Vink, dall’eurogol nel derby con il Genoa al gioco d’azzardo: «Ho vinto 1,4 milioni alle slot machines»

Con uno slalom “alla Weah” partito da centrocampo segnò la sua prima e unica rete nel Derby della Lanterna, firmando un 1-0 da cineteca del calcio. Era il 1994, sono passati 25 anni da quando Marciano Vink fece impazzire i tifosi del Genoa con quell’eurogol alla Sampdoria (che poi ristabilì la parità).

Di lì a poco, tuttavia, l’olandese smise con il calcio per via dei numerosi infortuni. La sua passione diventò il poker, abbandonata recentemente: «Vado spesso in tv – esordisce Vink al Secolo XIX – commento le gare di calcio e quando sono ospite fanno sempre vedere due cose: il gol alla Samp e le mie immagini al tavolo da gioco. Ho chiuso col calcio per gli infortuni alle ginocchia, e ho cominciato col poker ma ho smesso qualche anno fa, quando sono arrivati i giovani. Le nuove generazioni si allenano al computer, non riuscivo più a vincere. E io odio perdere».

Dal poker, Vink si è spostato alle slot machines. Una scelta decisamente azzeccata, dato che la fortuna l’ha assistito sin dal primo momento: «Avevo appena detto basta col poker e ho fatto una puntata con una slot machine 6 anni fa: ho vinto 1,4 milioni di euro. Ho avuto fortuna». Anche il suo Genoa avrà bisogno di un po’ di buona sorte per sabato: «Il derby devi vincerlo sempre, ora ancora di più. Bisogna superare la Samp in classifica, il mio cuore è tutto rossoblù», ha concluso l’ex.