Zenga: «Ferrero l’ha ammesso: è stato frettoloso con me»

© foto www.imagephotoagency.it

Compie oggi 56 anni l’ex allenatore della Sampdoria Walter Zenga, che a mesi di distanza dal suo esonero a seguito della sconfitta interna contro la Fiorentina è tornato a parlare del suo addio ai colori blucerchiati.

In un’intervista rilasciata a Radio Sportiva l’ex tecnico blucerchiato ha parlato del suo addio al Doria, di un possibile futuro in Italia e del futuro della Nazionale, che dopo gli Europei cambierà CT: «Quando sono andato via io dalla Sampdoria la squadra non era in zona retrocessione, anche Ferrero ha detto di essere stato troppo frettoloso con me. Il calcio è fatto di cose stranissime. Il mio futuro? Sono libero. Ho girato parecchio in questo periodo. Sono stato in Turchia, sono stato anche in Italia dove ho visto Inter-Napoli. Ho incontrato i miei figli, nessun contatto però con qualche società. Il Torino? Beh, il Torino ha un allenatore che è da tanto anni lì, si chiama Ventura ed è un maestro di calcio. Ma chi non andrebbe al Torino? Ora però non voglio inimicarmi Ventura, che poi magari mi dice qualcosa. Non scherziamo. Loro hanno un allenatore e un progetto».

Si passa alla Nazionale e al ruolo di CT vacante: «Non ho i meriti ed i diritti per allenare la Nazionale italiana. Bisogna avere un curriculum un po’ più interessante secondo me. Ieri sentivo Mancini dire che la Nazionale non la rifiuterebbe nessuno. Anche io mi chiedo sempre chi sarà il prossimo allenatore della Nazionale. Ve lo dico io? Sarà Gianni De Biasi».

Articolo precedente
Palermo-Sampdoria: arbitra Mazzoleni
Prossimo articolo
Palermo, rinviata a venerdì la sentenza del TAR sul Barbera