5 cose che non sapevi su Strinic

strinic sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ivan Strinic approda alla Sampdoria: ecco cinque cose che non sapevi sul terzino ex Napoli

A trent’anni suonati, Ivan Strinic lascia il Napoli e sceglie la Sampdoria per dimostrare finalmente con continuità le sue qualità. Il rinforzo per la fascia sinistra è arrivato l’ultimo giorno di calciomercato – nell’ambito dell’affare da 22 milioni che ha portato anche Duvan Zapata a vestire il blucerchiato – ed è stato fortemente voluto da Marco Giampaolo, in cerca di un uomo di esperienza su cui poter contare in quella zona di campo. Il lavoro svolto in questi ultimi due anni alla corte di Maurizio Sarri non potrà che agevolarlo nell’inserimento nei sistemi di gioco del tecnico doriano, e per il croato potrebbe essere la tanto attesa stagione della consacrazione nel nostro calcio. Ecco, nella gallery qui sotto, 5 cose che probabilmente non sapevi su Ivan Strinic.

1. Ha giocato in quattro Paesi diversi

Strinic ha vestito la maglia di vari club nella sua carriera: dalle giovanili dell’Hajduk Spalato (Croazia) è passato alla seconda squadra del Le Mans (Francia), per poi far ritorno in patria, prima tra le fila dell’HRV Dragovoljac e poi nuovamente tra quelle dell’Hajduk. Da qui, nel 2015 si trasferisce al Dnipro (Ucraina), club che lascia per il Napoli

2. Non ha tatuaggi

Immagini @SampTV

In un mondo in cui tatuarsi è all’ordine del giorno, Strinic è andato controcorrente e ha mantenuto la sua pelle lontana da qualsiasi ago. Beh, tranne quelli usati nelle visite mediche di rito!

3. Non ha social (o quasi)

Non solo tatuaggi, Strinic è controcorrente anche per quanto riguarda la tecnologia. Sulle piattaforme social non è presente con account ufficiali, eccezion fatta per Instagram: anche qui, però, le interazioni lasciano alquanto a desiderare. Il suo profilo è privato e conta solo 14 post, segno che il classe ’87 passa più tempo col pallone fra i piedi che con il cellulare in mano.

4. E’ il settimo croato della Samp

Strinic è il settimo giocatore di nazionalità croata a vestire la maglia della Sampdoria. Gli fanno compagnia nell’elenco – in ordine sparso – Ante Budimir, Vedran Celjak, Krunoslav Jurčić, Karlo Lulić, Bozo Mikulic e Lorenco Šimić.

5. Più cross per la Sampdoria

Il nuovo terzino a disposizione di Giampaolo, nelle 39 presenze collezionate al Napoli, ha messo a segno 4 assist per i compagni. 39 sono anche il numero di presenze in maglia blucerchiata che hanno totalizzato Daniel Pavlovic, Nicola Murru e Dodô Pires messi assieme: i tre, nella loro esperienza alla Samp, hanno complessivamente servito solo un passaggio vincente (che porta la firma di Dodô). Tra i terzini sinistri, solamente Vasco Regini ha un ruolino personale consistente (11 assist), ma ha anche alle spalle 112 gare con la maglia della Sampdoria indosso. Insomma, Strinic potrebbe essere una carta in più per aiutare gli attaccanti.

 

Condividi
Articolo precedente
schick romaSchick, salta il ritorno al “Ferraris”? Di Francesco lo boccia a metà
Prossimo articolo
Luan BrasileUn gennaio col botto: il sogno rimane Luan