Inter, Beccalossi promuove Schick: «Fanno bene a puntarlo, mi piace»

schick sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex centrocampista nerazzurro asseconda le strategie di mercato dell’Inter, pronta a formulare un’offerta importante in estate per l’attaccante blucerchiato Patrick Schick: «Mi piace, credo che in estate punteranno su lui e non su Muriel»

Patrick Schick, in questa stagione, ha davvero stupito tutti: arrivato a Genova in punta di piedi, seppur per una cifra importante – 4 milioni circa nelle casse dello Sparta Praga -, l’attaccante ha atteso che mister Giampaolo gli concedesse qualche opportunità per dimostrare le proprie qualità e, quando è stato chiamato in causa, non ha mai deluso, anzi: segnare il primo gol in Serie A allo Juventus Stadium, alla prima partita da titolare, poteva già essere colto come un segno, un battesimo del fuoco superato alla grande. Più di tutto, però, ha stupito la capacità del classe ’96 di spaccare le partite subentrando dalla panchina, una qualità sfruttata egregiamente dal mister blucerchiato Giampaolo, che lo ha spesso tenuto inizialmente fuori dai titolari per poi poter fare affidamento sulla sua dinamicità nella seconda frazione di gioco. Molti sono già gli attestati di stima arrivati per l’attaccante, su tutti quello dell’Inter, squadra che sembrerebbe molto convinta nel voler assicurarsi le prestazioni sportive del ragazzo. A dare la sua benedizione ad un’operazione che Ausilio potrebbe cercare di imbastire in estate è stato un mostro sacro della storia nerazzurra, Evaristo Beccalossi: «Fanno assolutamente bene a puntare Schick – ha affermato l’ex centrocampista ai microfoni di Rai Sport, mi piace. Non penso che i nerazzurri si muoveranno su Muriel come si vociferava. Alla Samp ne parlano come primo partente, ma penso che se dovesse arrivare un’offerta importante per entrambi, partirebbero tutti e due».

Condividi
Articolo precedente
Osti sampdoriaOsti: «Valuteremo il prolungamento di Torreira. Giampaolo? Uomo giusto per la Samp»
Prossimo articolo
30 anni e non sentirli30 Anni e non sentirli: 1987, accelera la Samp, Cerezo bestia nera dell’Ascoli