Corrado Tedeschi: «Auguro altri 70 anni meravigliosi. Giampaolo mi piace, Cassano…»

© foto www.imagephotoagency.it

Attore, conduttore televisivo, ma anche e soprattutto un grande tifoso della Sampdoria. Corrado Tedeschi da sempre bazzica nel mondo blucerchiato e oggi, intervenuto a Premium Sport, ha voluto festeggiare i 70 anni di storia del club: «Sampd’oro? Sono stati anni meravigliosi, in cui la Samp era al vertice del campionato ed è arrivata addirittura in finale di Coppa dei Campioni. Che poi non è neanche tanto la dimensione della Sampdoria, sono momenti irripetibili, ma da tifoso non contano tanto i risultati quanto la passione, l’amore per la squadra, e il pubblico della Sampdoria è un pubblico veramente speciale, che ama alla follia la propria squadra. Anche se ha qualche annetto più di me, la sento come una coetanea, io 50 anni fa ritiravo la borsa della Samp dopo aver fatto le visite mediche e iniziavo a giocare nei Pulcini».

Poi un balzo nel presente, guardando alla prossima stagione ormai alle porte: «La squadra a me piace – dichiara fiducioso – ha tanti giovani molto buoni in prospettiva. La società ha incamerato parecchi soldi dalle vendite, manca ancora qualcosa ma credo che qualche acquisto verrà fatto. Mi auguro un campionato assolutamente dignitoso, l’allenatore è una persona molto valida: per i tifosi l’importante è che la squadra sia in Serie A, poi l’amore non cambia in base alla classifica».

Inevitabile una battuta anche su Antonio Cassano, fuori rosa e vicino alla rottura con la società: «E’ un giocatore che ancora adesso quando entra fa la differenza, però poi ci sono le questioni degli spogliatoi. Arriva qualche eco, ma quello che è successo veramente non lo so. Purtroppo ogni tanto accadono queste cose, dal punto di vista tecnico io Cassano lo vorrei sempre».

Tedeschi sembra apprezzare il lavoro svolto finora da mister Giampaolo: «Ho visto la partita contro il Barcellona ed è stata una Sampdoria molto molto buona, ha fatto la sua partita e non dimentichiamo che gli avversari avevano schierato tutti i titolari. Ho visto un’idea di gioco, una difesa altissima anche rischiando qualcosa, però molto propositiva e mi piace moltissimo questa mentalità, mi piace Giampaolo come persona. Vediamo, contano i risultati ma fra poco ci siamo, ormai basta aspettare qualche giorno».

Si chiude parlando di “Lettera da Amsterdam”, la canzone dei fratelli De Scalzi popolarissima tra i tifosi doriani: «Sì, alla domenica la canta tutto lo stadio, è una canzone stupenda. Sembra una dichiarazione d’amore fatta ad una donna, e in realtà è per la Sampdoria; a volte la passione per il calcio raggiunge forme veramente sorprendenti. A questo punto – conclude – faccio anch’io gli auguri a questa vecchia meravigliosa amica, augurandole altri 70 anni meravigliosi. Il suo pubblico sarà sempre con lei, e questo è già importante».

Condividi
Articolo precedente
Palombo festeggia la Samp: «Bello avere una storia imporante e farne parte»
Prossimo articolo
Duncan non dimentica: «Buon compleanno, Sampdoria!»