L’ex Zukanovic in conferenza stampa: «Testa alla Sampdoria, analizzeremo il loro gioco»

© foto www.imagephotoagency.it

Gli ultimi giorni di calciomercato hanno visto alcuni movimenti in uscita per la Sampdoria, che ha ceduto Ervin Zukanovic alla Roma, anche se il difensore era ormai promesso sposo dello Stoccarda, club al quale ha voltato le spalle all’ultimo momento per aggregarsi ai capitolini. Il bosniaco è stato presentato oggi a Trigoria insieme a Diego Perotti, anch’egli nuovo arrivato alla corte di Spalletti: «Sono felice di essere qui e sono contento che il mister mi abbia dato subito l’opportunità di giocare. Ora sono in un grande club e devo sfruttare questa occasione per dare il meglio di me».

Quando gli viene contestata la sua lentezza nei movimenti, lui non si scompone e replica così: «Credo di essere un giocatore intelligente, forse un po’ lento, ma riesco comunque a coprire bene gli spazi come chiede il mister usando la testa». E sulla sua disposizione in campo: «Quando sono arrivato in Italia ho giocato da centrale, nel Chievo, sia nella difesa a tre che a quattro. Poi con Maran ho fatto anche il terzino sinistro e ho fatto bene. Io sono a disposizione – riporta ASRoma.it l’importante è aiutare la squadra».

Blitz di Sabatini e inserimento-lampo nella trattativa con lo Stoccarda, cambiando così il futuro del giocatore: «E’ successo tutto molto velocemente. Avevo anche un’offerta dalla Germania, ma poi ho scelto l’Italia e la Roma. Quando mi ha chiamato questo club ho subito accettato, è una grande squadra e una società organizzata. Qui posso crescere».

Un’ultima battuta sul match di domenica sera contro i blucerchiati: «Il derby? Non mi piace guardare troppo avanti ora. Adesso guardo solo alla prossima gara, poi ci penseremo. Spalletti non mi ha ancora chiesto niente sulla Sampdoria – conclude – ma già domani analizzeremo il loro modo di giocare».

Condividi
Articolo precedente
Il commento tecnico: Troppi tocchi, poche idee e una difesa colabrodo
Prossimo articolo
Sentenza caso Livingston: accolto il patteggiamento di Ferrero