“A ritmo di Polska”: in uscita il nuovo libro di Bertolotto

© foto www.imagephotoagency.it

“A ritmo di Polska”, presto disponibile il nuovo libro di Alberto Bertolotto: dopo “Il sogno blucerchiato” ecco l’ultima fatica del cronista ligure, dedicata alle vicende della Nazionale polacca

Alcuni tifosi della Sampdoria avranno certamente letto il suo libro dedicato ai colori più belli del mondo, “Il sogno blucerchiato”, edito da Sportmedia e dedicato alle vicende di undici giocatori e di un allenatore i cui destini, fra gli anni ’80 e il 2011, si sono intrecciati con quello della Samp. Un testo che ha riscosso pareri molto positivi a livello di critica, frutto della ricerca scrupolosa di Alberto Bertolotto, ligure di nascita ma friulano di adozione, cronista de Il Messaggero Veneto e di Udinese Tv. Un successo che sarà certamente replicato anche dalla nuova fatica di Bertolotto, dedicata questa volta all’avvincente storia della Nazionale di calcio polacca: “A ritmo di Polska” – Alba Edizioni, 160 pagine, 15 euro – è il titolo del libro disponibile in tutte le librerie, incentrato sullo svolgimento dei Mondiali del 1974 vinti dalla Germania Ovest di Beckenbauer, e che sarà presentato a Genova, alla Kowalski, giovedì 25 dicembre alle ore 21.

Una Coppa del mondo che ebbe però per grande protagonista proprio la Polonia, classificatasi terza a sorpresa dopo l’oro guadagnato alle Olimpiadi del 1972 disputate a Monaco di Baviera. Bertolotto, appassionato e studioso delle vicende calcistiche polacche, ha ripercorso la parabola della Nazionale biancorossa documentandone le vicende grazie all’ausilio di materiale italiano e polacco, inserendo contenuti esclusivi come l’intervista a Grzegorz Lato, capocannoniere del Mondiale, e il presunto tentativo di combine dell’Italia nel girone per le qualificazioni alla kermesse mondiale. Un libro, insomma, dedicato a tutti gli appassionati del gioco del calcio e della sua storia, che travalica i confini nazionali per consentire ai lettori di scoprire storie nascoste e ormai lontane, ma che meritano di essere raccontate e conosciute. Ad impreziosire il tutto, prefazione e postfazione firmate dal presidente e dal vice-presidente della Federcalcio polacca, Zbigniew Boniek e Marek Kozminski.