Ag. Higuain: «Penalizzati contro la Samp, mi aspetto un solo turno di stop»

© foto www.imagephotoagency.it

La 31.a giornata di Serie A è stata caratterizzata dalla sconfitta esterna del Napoli contro l’Udinese e da un gesto che non ti aspetti da un campione: Gonzalo Higuain ha perso la testa, e dopo aver ricevuto due gialli – uno per proteste su un fuorigioco inesistente e una per un contatto a palla lontana su Felipe – ha inveito contro l’arbitro andandoci a contatto prima di lasciare il terreno di gioco in lacrime trascinato da 4 compagni di squadra. È attesa domani la decisione del Giudice Sportivo e visti i precedenti, la sanzione minima per il Pipita è di 3 giornate.

L’agente del giocatore, nonché fratello di Gonzalo Higuain, a Radio Crc ha commentato la sconfitta con l’Udinese, tornando su un episodio relativo alla seconda giornata di campionato, quando al San Paolo era ospite la Sampdoria che sotto 2-0 grazie proprio alla prima doppietta del numero 9 azzurro, in un minuto rimontò con una doppietta di Éder: «Sono troppo deluso. La sconfitta di ieri mi fa tanto male, ma mancano 7 partite, 7 finali, e si possono vincerle tutte. Matematicamente nessuno dice che il Napoli non può vincere lo scudetto per cui sono ancora ottimista anche se è diventato difficile. La Juve è la squadra più forte, non c’è dubbio però ha avuto qualche aiuto a differenza del Napoli. Contro la Sampdoria, per esempio, hanno fischiato un rigore inesistente contro il Napoli. Vincere lo scudetto è difficilissimo, ma bisogna continuare a vincere. È difficile capire in questo momento della stagione come si possano fischiare 2 rigori contro in 10 minuti tra cui uno netto e l’altro meno. Gonzalo mai nella sua carriera aveva assistito ad una cosa simile, questa cosa fa pensare male». 

«Ho parlato con Gonzalo dopo la partita, era arrabbiato, deluso, si è sfogato. È difficile lottare contro il vento e contro la marea. Ieri  – prosegue Nicolas Higuain –  si è beccato un giallo per protestare su un fuorigioco che non c’era e aspetto la decisione del giudice sportivo. Abbiamo visto qualche giorno fa un calciatore della Juventus dire una parolaccia all’arbitro, azione non sanzionata per cui mi auguro che la sanzione per Higuain sia di una o di due giornate. Ha protestato perché non era in fuorigioco come dimostrano le immagini, c’è tanta ingiustizia nel calcio e questo cambia le stagioni. La reazione di Gonzalo è quella di un giocatore che sentiva un’ingiustizia addosso perché c’era il fallo di Felipe su di lui ma l’arbitro non ha fischiato subito. È una situazione di gioco e l’arbitro ha aspettato la reazione di Gonzalo prima di fischiare. Era un fallo in Argentina e in ogni parte del mondo, ma non in Italia. La dignità e l’orgoglio vengono prima di tutto però quando vedi tutte queste cose inizi a pensare male. Comportamento violento di Gonzalo? Se la legge per il giudice sportivo è uguale per tutti, giacché la testata di Bonucci su Rizzoli non è stata punita, mi aspetto che Higuain sia squalificato solo per una giornata. A Bonucci non hanno dato il cartellino rosso, a Higuain sì per cui una giornata ci sta. Non si può prendere da esempio il comportamento di Higuain e squalificarlo per far capire agli altri cosa non bisogna fare in campo, se non lo si è fatto con Bonucci, non bisogna farlo nemmeno con Higuain. Mi aspetto un verdetto giusto».