Atzori punta il dito: «I tifosi della Samp non perdonano»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex allenatore della Sampdoria Gianluca Atzori ricorda i momenti in blucerchiato: «La tifoseria è molto calda, non perdona nulla. Domenica la Spal avrà motivazioni più forti per vincere»

Probabilmente Gianluca Atzori è stato uno degli allenatori meno apprezzati dal pubblico della Sampdoria negli ultimi anni, se non il primo – che resta certamente Cavasin – uno dei primi sicuramente, data la sua incapacità di amalgamare una squadra che potesse dirsi competitiva per scalare la classifica di Serie B e puntare alla promozione. Dopo diverso tempo l’ex allenatore blucerchiato è tornato a parlare di Sampdoria, anche in ottica della sfida di sabato contro la Spal: «Genova è una realtà molto esigente – esordisce il tecnico ai taccuini de La Nuova Ferrara -, si concede poco. Io arrivai dopo una retrocessione in serie B, quando nella stagione precedente avevano fatto i preliminari della Champions. C’è una tifoseria molto calda che non perdona nulla. Sono certo che la Sampdoria verrà a Ferrara a fare la sua partita, è normale che sia così. Hanno fatto una buona stagione fino ad un certo punto battendo pure la Juventus, hanno poi avuto un calo ma il loro campionato rimane positivo. Vorranno finire bene e non si deve pensare che verranno a regalare: l’atteggiamento del regalare le partite in questo livello di squadre non esiste. Poi è logico che la Spal ha motivazioni molto più forti e mi auguro che queste possano bastare per farle vincere la partita. La Spal e Ferrara – conclude Atzori – meritano di stare in A e ci devono restare».

Articolo precedente
mancini italia argentinaMancini, parla la madre: «Se avesse accettato la Juventus, Nazionale garantita»
Prossimo articolo
viviano sampdoriaViviano recupera… con un allenamento speciale!