Avvenente frena sull’Europa League: «Conviene fare i preliminari?»

Sampdoria tifosi
© foto SampNews24

Il consigliere comunale analizza il momento della Sampdoria ai microfoni di Telenord: «Contro il Bologna non sarà facile, ma vorrei vedere lo spirito di squadra»

La Sampdoria si appresta a tornare in campo nel turno infrasettimanale della 33esima giornata di Serie A per cancellare la delusione dell’“Allianz Stadium” e ripartire verso l’Europa League contro il Bologna. Per il consigliere comunale Mauro Avvenente i giochi sono ancora aperti: «Dobbiamo fare la corsa sull’Atalanta perché siamo in vantaggio negli scontri diretti. Mi auguro che le rivali perdano dei punti, non possiamo essere sempre noi a farlo. Onestamente, però, non so quanto convenga fare i preliminari: andare in Europa è un grande risultato, ma poi si sconta la preparazione anticipata. Nelle prossime tre partite è necessario portare a casa almeno sei punti, così può farcela».

«La Juventus aveva il dente avvelenato – continua Avvenente ai microfoni di Telenord -, non era semplice conquistare punti dopo quanto accaduto a Madrid. La Sampdoria sta comunque facendo un ottimo campionato, sebbene meriti più punti di quelli attuali. Come da tradizione, è grande con le grandi e piccola con le piccole. Contro il Bologna vorrei vedere lo spirito di squadra che ha animato la squadra all’inizio della stagione. Non sarà facile fare una buona prestazione. Sarebbe interessante vedere Giampaolo iniziare la prossima stagione con una rosa non rimaneggiata completamente. Andersen? Ha disputato una gara senza demeritare, è un giovane destinato a una crescita positiva».

Sul Ravano: «Merita tutta l’attenzione possibile da parte delle istituzioni, è un fiore all’occhiello a cui si ispirano anche altre città. Spero ci sia sensibilità necessaria affinché questo torneo regali lustro a Genova, al di là di ogni colore o bandiera. Complimenti ai Mantovani perché hanno continuato, nonostante non siano più alla guida della Sampdoria da anni, a occuparsi del Ravano nel migliore dei modi».