I tifosi sul web: «Vergogna». Giampaolo in caduta libera

giampaolo sampdoria
© foto Valentina Martini

La rabbia dei tifosi blucerchiati dopo Benevento-Sampdoria: «Vergogna, la società intervenga». Giampaolo nell’occhio del ciclone

All’indomani di Benevento-Sampdoria, il mondo blucerchiato è attonito e deluso. Deluso da una sconfitta contro una squadra mediocre e ultima forza della Serie A, dal modo in cui è arrivata l’ennesima sconfitta in un periodo nero per la formazione di Marco Giampaolo, inframezzato solo dalla recente parentesi positiva della vittoria sulla Spal. E’ proprio il tecnico doriano, dopo la figuraccia del “Vigorito”, a finire nell’occhio del ciclone, soprattutto sul web, lì dove i tifosi – della Sampdoria e non – si sono scatenati contestando perlopiù l’approccio alla partita, le scelte di formazione e i cambi. C’è chi – come potete vedere nella fotogallery qua sotto – vorrebbe addirittura un cambio sulla panchina della Samp, ma la sensazione generale che prevale è la vergogna per la prestazione offerta ieri pomeriggio. Ecco i commenti più significativi apparsi sui social nelle ultime ore.

1. Le reazioni dei tifosi sui social

2. Le reazioni dei tifosi sui social

3. Le reazioni dei tifosi sui social

4. Le reazioni dei tifosi sui social

5. Le reazioni dei tifosi sui social

6. Le reazioni dei tifosi sui social

7. Le reazioni dei tifosi sui social

8. Le reazioni dei tifosi sui social

9. Le reazioni dei tifosi sui social

10. Le reazioni dei tifosi sui social

11. Le reazioni dei tifosi sui social

12. Le reazioni dei tifosi sui social

13. Le reazioni dei tifosi sui social

14. Le reazioni dei tifosi sui social

15. Le reazioni dei tifosi sui social

16. Le reazioni dei tifosi sui social

17. Le reazioni dei tifosi sui social

18. Le reazioni dei tifosi sui social

19. Le reazioni dei tifosi sui social

20. Le reazioni dei tifosi sui social

Articolo precedente
Sampdoria streamingSampdoria piccola con le piccole: così non si va in Europa
Prossimo articolo
kownacki sampdoriaKownacki, sei l’unica luce: l’attacco va ridisegnato