Bereszynski-Sala, nove giorni per recuperare: le alternative di Giampaolo

Giampaolo Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La fascia destra comincia ad essere un problema: Bereszynski e Sala costretti a forzare il recupero. Le alternative

Giampaolo nella partita contro l’Inter è stato costretto ad un cambio che avrebbe preferito evitare: l’infortunio di Bereszynski – che oggi verrà nuovamente valutato dalla Nazionale polacca -, e l’indisponibilità di Sala hanno portato prima all’arretramento di Barreto e poi all’inserimento di Regini, un macino sulla fascia destra. Sebbene sembri ancora lontana la partita contro il Chievo, quando si parla di recuperare da un infortunio e – nel caso di entrambi – da due recidive i tempi non sono mai certi: l’aver accelerato il ritorno in campo del polacco, quando ancora non era al massimo, ha sicuramente complicato il suo iter riabilitativo che ora potrebbe essere più lungo. Anche il terzino italiano – sebbene abbia iniziato già da tempo il recupero agonistico – potrebbe patire una ulteriore recidiva se, come sembra accadrà, dovrà forzare il rientro in campo in vista della gara contro il Chievo.

Oggi alla ripresa degli allenamenti – e più precisamente quando si avranno notizie di Bereszynski dalla Polonia – Giampaolo valuterà la situazione nella sua complessità e comincerà a pensare ad alternative se, pur sperando non sia necessario, non avesse nessuno dei due a disposizione. Le possibilità, che non piacciono al tecnico doriano, sono poche: tornare ad arretrare Barreto – con il ritorno di Linetty in mediana sarebbe più semplice – oppure provare in quel ruolo Verre. Il centrocampista – uno dei migliori nella partita contro i nerazzurri – ha giocato poco in questa stagione e per una maglia da titolare potrebbe diventare un’alternativa temporanea. Difficile invece pensare ad un cambio di modulo (3-4-1-2) con un centrocampo più folto: la Sampdoria ha fatto dei suoi principi di gioco un cardine da cui è difficile scostarsi, soprattutto per come gioca la difesa di Giampaolo. Un’ipotesi, a questo punto da non scartare, potrebbe essere quella di far esordire un Primavera: Tomic, due volte convocato con la prima squadra, potrebbe non essere ancora maturo per la Serie A, ma in caso di necessità un giovane terzino di ruolo potrebbe risultare una carta vincente al posto di arretrare nuovamente uno dei centrocampisti.

Articolo precedente
marco ansaldo sampdoriaAnsaldo esporta il blucerchiato: «Porterò la Samp in Medio Oriente»
Prossimo articolo
sampdoria convocatiSampdoria, le Nazionali ti penalizzano: Chievo e Atalanta meno impegnate