Bonazzoli e l’arrivo alla Samp: «Avevo tutti gli occhi addosso»

bonazzoli sampdoria-Atalanta
© foto www.imagephotoagency.it

Bonazzoli e l’arrivo alla Samp: «Avevo tutti gli occhi addosso. Tutti dicevano che venivo dall’Inter, ma ero un giocatore della Primavera»

Dopo anni difficili, in prestito in giro per l’Italia, Federico Bonazzoli è finalmente riuscito a conquistarsi un posto alla Sampdoria: «L’ho sempre detto. Mi ero ri­trovato da un giorno all’altro in un mondo di cui non pensavo di riuscire a far parte. Un po’ di errori sono avvenuti per colpa mia – ha ammesso a La Gazzetta dello Sport – perché poi anche negli anni successivi non sono mai riuscito a rimanere in pianta stabile in una società».

Il bomber di Manerbio ricorda i primi tempi in blucerchiato: «Tutti dicevano di me che venivo dall’Inter, ma in realtà io ero un giocatore della Prima­vera nerazzurra. Avevo tutti gli occhi addosso, ma il calcio dei grandi è diverso. La Samp mi ha sempre dato la possibilità, ogni anno, di ricominciare da qui, ma poi sono sempre anda­to via in prestito. L’anno scorso non è stata una stagione nega­tiva per me, anche se il Padova è retrocesso. Mi sono detto, pe­rò, che avrei dovuto fare qua­lunque cosa per rimanere sta­bilmente a certi livelli», ha concluso Bonazzoli.