Bonazzoli guarda al futuro: «Voglio tornare e giocare per la Samp»

bonazzoli Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Federico Bonazzoli, attaccante classe ’97 in prestito al Brescia: «Qui giusta serenità per fare bene, ma l’anno prossimo vorrei tornare e giocare per la Sampdoria»

Troppo poco spazio in maglia blucerchiata per poter rimanere, e così Federico Bonazzoli, talentuoso attaccante classe ’97 acquistato dall’Inter, ha lasciato mister Montella e compagni per vestire la maglia della Virtus Lanciano in Serie B. L’estate scorsa il ritorno, dopo l’esperienza poco fortunata in Abruzzo, per poi ripartire a settembre destinazione Brescia. Qui il bomber di Manerbio si è ambientato bene e ha finora collezionato 933 minuti, conditi da 2 gol e un assist: «Non mi aspettavo di trovare un gruppo di ragazzi così – spiega ai microfoni di Sky Sport – siamo tutti i giovani ma facciamo tante cose da persone più mature. Questo fattore passa inosservato, ma su 25 giocatori 20 sono Under 21. Complimenti alla società che sta lavorando alla grande. Qui si ha la giusta serenità per lavorare e per fare bene, poi bisogna metterci le proprie qualità. Inter? Lì sono stato bene ed è la società a cui probabilmente devo tutto, ma soprattutto li devo ringraziare perché mi hanno fatto crescere a livello umano. Non cambierei nulla di quello che ho fatto in passato, sono contento di aver fatto la trafila nel settore giovanile a Milano e tutti gli anni che ho passato lì mi sono serviti».

BONAZZOLI SOGNA IL RITORNO – Nonostante si stia trovando bene alla corte di mister Brocchi, l’ex attaccante nerazzurro sogna per l’anno prossimo un ritorno alla Sampdoria per giocarsi le sue carte: «A Genova si stava bene, quei mesi che ho passato lì mi sono serviti a crescere e a rendermi più forte a livello umano. Ho preso qualcosa a livello calcistico da grandi campioni come Eder, Muriel o Quagliarella, ma per diventare come loro ci vuole tanto lavoro e sacrificio. Da quei mesi porto a casa un rinforzo a livello mentale, e sarei ipocrita se dicessi che non stavo bene. Club come questi ti danno tutto per esprimerti al meglio, ma logicamente con Eder e Muriel in quella forma io non potevo fare assolutamente nulla. Ho fatto un passo indietro e ho capito che per me sarebbe stato meglio andare a fare 40 partite in Serie B piuttosto che non giocare. Sarei nuovamente ipocrita se negassi che l’anno prossimo il mio obiettivo è quello di tornare e giocare per la Sampdoria – conclude Bonazzoli – cercando di fare quello che hanno fatto Eder e Muriel».

Articolo precedente
sampdoria esports cupGuarracino: «Gioco a FIFA per la Samp, intuizione di Ferrero»
Prossimo articolo
garrone sampdoriaGarrone: «Ferrero più pragmatico di quanto appaia. Giampaolo mi fa impazzire»