Connettiti con noi

Gli Ex

Bordon: «Sampdoria, ringrazia Ranieri. Audero? In fiducia»

Francesca Faralli

Pubblicato

su

sampdoria udinese

Ivano Bordon, ex portiere della Sampdoria, fa il punto sul campionato e su Emil Audero: l’intervista a Repubblica

Ivano Bordon, ex portiere della Sampdoria, fa il punto sul campionato dei blucerchiati e sulla maturazione di Emil Audero: le parole a Repubblica.

AUDERO – «A 24 anni è l’età giusta per migliorare e lo sta facendo molto bene. Lo scorso anno, come la Sampdoria, ha avuto qualche problema. Nella parte finale si è ripreso e ha comunque dato il suo contributo. Sta rispondendo bene e trasmette sicurezza e fiducia. Penso che sappia stare bene in porta. Tecnicamente è ben impostato, non si fa trovare fuori posizione. Non fa scena, richiama nel modo giusto, senza esagerare, sta diventando una guida per i compagni di reparto. Rende semplici anche le cose più difficili. Mi sembra molto attento. ha dato fiducia alla squadra ed anche lui stesso si è caricato»

CRITICHE – «È facile giudicare, trovare la sfumatura, mi sembra che sia un portiere abbastanza completo che, con la maggiore esperienza, deve cercare di migliorarsi e ha ancora ampi margini»

PORTIERI IN SERIE A – «Donnarumma è il migliore, ha tante qualità. È giovane, ma ha già fatto tanta esperienza. Peril resto c’è un gruppo molto omogeneo, che assicura il futuro dell’Italia tra i pali»

NAZIONALE – «In ottica azzurra, Sirigu ha tanta esperienza e quindi può servire come alternativa a Donnarumma. Gli altri (Bollini, Meret, Cragno, Silvestri, Audero) danno molto affidamento, senza dimenticare Perin. Sarà fondamentale come giocheranno il girone di ritorno. Certamente Roberto ha già un’idea, ma manca ancora tanto»

ALLENATORI DI AUDERO – «Lorieri era all’Inter nelle giovanili, quando ero in prima squadra, e solo quando sono venuto alla Sampdoria è stato promosso. Ha grande esperienza, tante partite disputate. Audero sta andando bene e quindi può essere soddisfatto, dall’esterno. Certamente può dare qualcosa tecnicamente e tatticamente al suo allievo. Con Massimo Battara, il padre di Daniele,ha fatto degli allenamenti in blucerchiato»

FUTURO NEL CALCIO – «Mi piacerebbe fare lo scout dei portieri. Andare a scovare qualche ragazzo interessante. Ora è tutto bloccato, ma non è facile entrare nelle società, perché i posti sono pochi e sono occupati da persone di fiducia, mediamente molto preparate»

SAMPDORIA – «Deve ringraziare Ranieri, l’ha presa non in buone acque e lo scorso anno, insieme ai giocatori, ha centrato una rimonta non facile. In questa stagione sta disputando un torneo tranquillo, lontano dalle posizioni più pericolose».

Advertisement