Cagliari-Sampdoria, Giampaolo: «Viviano? Si commenta da solo»

Giampaolo Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari-Sampdoria, Giampaolo commenta la gara giocata in trasferta contro i rossoblù. I blucerchiati perdono due punti in una gara che avevano in mano

La Sampdoria va in vantaggio con due gol di scarto contro il Cagliari di Lopez. La doppietta di Quagliarella nel primo tempo sembra chiudere la porta ad una possibile rimonta dei rossoblù, ma la papera di Viviano che con una rimessa sbagliata favorisce il rimpallo in porta di Farias – riapre il match. Sul 2-1 il Cagliari si risveglia e trova il gol del pareggio con il colpo di testa di Pavoletti. Una partita pareggiata che ha il sapore della sconfitta per due punti persi che potevano lanciare la Sampdoria a quota 29 in classifica. Intervenuto ai microfoni di SkySport, Giampaolo commenta la gara disputata lontano dalle mura amiche del “Ferraris”: «È successo che abbiamo commesso un errore tecnico che ha riaperto la partita – puntualizza il tecnico doriano -, il Cagliari poteva solo farsi trascinare dal pubblico. Noi dovevamo essere bravi a smorzare quei toni, a palleggiare, a cercare il terzo gol. L’errore tecnico ha rimesso in discussione tutto, siamo stati bravi a non perderla perché in quella situazione potevi finire per subire il terzo gol. Dobbiamo sicuramente migliorare nella gestione di alcuni momenti».

Giampaolo non vuole infierire su Viviano: «In questi casi il ragazzo sa già di aver commesso un errore, sono cose che si commentano da sole. Io sottolineo gli errori di principio, non quelli tecnici, che sono fine a sé stessi. Ovviamente è quell’errore che ha rimesso in piedi la partita per il Cagliari, va detto». Sulla classifica della Samp, che segna ancora un sesto posto: «E’ ottima, e l’abbiamo creata noi. Non siamo partiti con questa ambizione e questi obiettivi, quindi dovremmo essere all’altezza, il che significa giocare grandi partite e non partitelle. La strada è lunga- ricorda il tecnico – mancano ancora 5 mesi e dovremo essere bravi ad alimentare questo fuoco fino alla fine del campionato». Chi, invece, oggi è stato protagonista in positivo, è certamente Fabio Quagliarella, autore di una doppietta: «Ha un’età che lo rende maturo, sa sempre come allenarsi, sa come condurre la sua vita privata. A lui non devi insegnare nulla, le sue qualità sono risapute. Lui sa scandire bene i suoi tempi, se fa un allenamento sottotono lo fa perché è maturo e sa di poterlo fare, ma è un giocatore che sa essere sempre straordinario. La sfida col Napoli? E’ ancora lontana, prima c’è la Coppa Italia, poi in campionato c’è il Sassuolo. Il Napoli c’è alla vigilia di Natale – conclude Giampaolo – c’è veramente ancora tanto tempo e tante partite da giocare».