Caprari, quando uno “scarto” dell’Inter è finalmente di valore

Caprari Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Gianluca Caprari, il bomber scartato dall’Inter che adesso vuole conquistare la Sampdoria

Serse Cosmi nei giorni scorsi l’aveva detto, e per ora la sua tesi non può che essere confermata. Gianluca Caprari ha qualità da vendere, e deve crederci: seppur visibilmente affaticato – come tutta la Sampdoria – dai carichi di lavoro in questi giorni di ritiro, il bomber ex Pescara anche ieri ha dimostrato una certa affinità col pallone e il fiuto sopraffino per il gol. Nella seconda amichevole stagionale contro la Feralpisalò è riuscito a sbloccare il risultato in un momento di difficoltà, battendo con un bel destro angolato il portiere avversario, ma aveva anche siglato una tripletta all’esordio in maglia blucerchiata contro i dilettanti del Sellero Novelle: segnali che mister Giampaolo non potrà fare a meno di tenere a mente quando dovrà scegliere come strutturare le gerarchie in attacco, tanto più che la cessione di Muriel ha liberato un posto. Tutto dipenderà dal futuro di Patrik Schick: se il ceco decidesse di restare in blucerchiato, Caprari si troverebbe ovviamente la strada sbarrata, ma in caso contrario potrebbe rivelarsi una soluzione azzeccata al fianco del titolarissimo Fabio Quagliarella.

La Samp sembrerebbe aver fatto davvero un buon acquisto, accettando il classe ’93 come contropartita tecnica nell’affare Skriniar: a dire il vero, fa strano che sia arrivato dall’Inter, date le ultime deludenti esperienze di mercato con la società nerazzurra (Dodô e Ranocchia su tutti). Uno “scarto” dell’Inter che adesso è pronto a dimostrare a tutti – e specialmente a chi non ha creduto in lui – il suo valore, in una piazza calda come quella genovese. Un investimento di 8 milioni fatto l’anno scorso, con l’acquisto dal Pescara e l’immediato prestito sempre in Abruzzo, che si è poi concluso poche settimane fa con la cessione alla Sampdoria. Ora starà al giocatore continuare con la stessa fame a segnare, ma Giampaolo ha sempre nutrito stima nei suoi confronti e non farà fatica a garantirgli un posto da titolare nella prossima stagione se Schick deciderà di dire addio.

Articolo precedente
conte chelsea richarlisonRicharlison, al Chelsea impossibile dire no: Samp e Inter si arrendono
Prossimo articolo
Lacroix aggiunto in lista: nuovo obiettivo per la difesa