Casasco: «Dobbiamo gestire al meglio la situazione sanitaria dei club»

© foto www.imagephotoagency.it

Il presidente della Federazione medico sportiva Maurizio Casasco si è espresso in merito al rischio stop al campionato

Maurizio Casasco, presidente della Federazione medico sportiva, ha parlato all’Adnkronos della grave situazione sanitaria che sta colpendo il mondo del calcio, sopratutto dopo la notizia del focolaio nella squadra del Genoa.

MAGGIORE ATTENZIONE – «Non entro nel merito di quello che è successo a Genova e a Napoli, ma credo che sia doveroso un aumento di attenzione da parte di tutti durante la settimana, nel rispetto delle regole, in particolare di quanto succede negli spogliatoi.Ho proposto anche all’interno della Lega un monitoraggio h24 di gestione delle situazioni, ma soprattutto credo si sia abbassato il livello di attenzione nella gestione settimanale per evitare situazioni di questo tipo. È necessario tornare a comportamenti di assoluto rigore nella gestione sanitaria dei club e in generale di tutte le differenti fasi che accompagnano il quotidiano svolgimento di una attività sportiva, agonistica e non agonistica».

COMPLICAZIONI – «La Lega calcio è stata lasciata sola in questo momento, soprattutto dai ministeri competenti. Da venerdì si conoscevano le problematiche legate alla partita Juventus-Napoli in programma a Torino domenica sera, e credo che da questa discussione nazionale italiana tra Stato-Regioni e adesso Stato-Regioni e Asl, dopo aver sottoscritto dei protocolli, il Governo, attraverso i Ministeri competenti, aveva il dovere di intervenire subito e non dopo, e dare chiarezza e indirizzo».

PROTOCOLLI – «Lo abbiamo dichiarato 10 giorni fa, anche perché quella che è stata la variante estiva, aveva una curva di crescita inferiore, mentre oggi è evidente che dobbiamo prevedere una prospettiva che ipotizzi anche un aumento».