Cassano ha deciso: «Che intesa con Pazzini alla Samp, ora voglio l’Hellas»

cassano pazzini sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex Cassano ha le idee chiare sul futuro: «Voglio solo l’Hellas, ci potremmo divertire. Con Pazzini alla Samp momenti bellissimi»

Antonio Cassano potrebbe presto riabbracciare il suo ex compagno di squadra Giampaolo Pazzini, con il quale, durante l’esperienza alla Sampdoria, aveva formato una delle coppie d’attacco più forti mai viste a Genova. Il fantasista di Bari si è preso qualche mese di pausa dopo l’addio definitivo ai blucerchiati arrivato a gennaio scorso, ma adesso vuole sfruttare l’estate per trovare un club che soddisfi le sue esigenze: la priorità è quella di rimanere in Serie A, e forse sarà l’Hellas Verona – da poco tornato in massima serie – ad offrirgli questa possibilità. A guidare i gialloblù alla promozione è stato proprio Pazzini con i suoi 23 gol, e l’anno prossimo con Cassano a fianco potrebbe nuovamente prendere vita il tandem che tanto aveva fatto sognare i tifosi doriani: «Con il “Pazzo” abbiamo condiviso momenti bellissimi alla Sampdoria. Con lui in campo – ricorda ai taccuini de l’Arena – c’era un’intesa silenziosa. Sono pazzo dell’Hellas. Un club che in Serie B porta allo stadio 25.000 spettatori, in A ti regala emozioni fortissime. Ho una voglia pazzesca di tornare. E voglio farlo in una piazza piena di entusiasmo. Mi immagino il Bentegodi pieno, il tifo caloroso, la carica che i tifosi potranno trasmettere a tutti. Verona mi attizza. Ho pregato perché l’Hellas venisse in A – rivela l’ex numero 99 – perché sono convinto che venire lì sia la cosa migliore che posso fare». Cassano-Hellas, un amore pronto a sbocciare? Sicuramente l’idea di rivedere insieme questi due ex blucerchiati – oltretutto in una piazza gemellata con la Sampdoria – non può che far tornare alla mente tanti ricordi piacevoli.

Articolo precedente
ferrero sampdoriaFerrero: «Muriel ha sbagliato, ma quanti fischi!»
Prossimo articolo
muriel sampdoriaMuriel rassicura sul futuro: «Non scontato che vada via»