Cessione Sampdoria, i dettagli dell’offerta di Vialli

gianluca vialli
© foto www.imagephotoagency.it

Vialli torna alla carica per la Sampdoria? Ecco le cifre offerte a Ferrero per convincerlo a cedere la società

Non è bastato un comunicato ufficiale per spegnere definitivamente le voci che circolano sulla cessione della Sampdoria. A dare una nuova speranza ai tifosi sono le recenti inchieste pubblicate da Milano Finanza, che evidenziano gli ingenti debiti della Eleven Finance, società di Massimo Ferrero con una perdita di esercizio pari a 55 milioni di euro. Il presidente doriano l’ha definita «una storia vecchia», ma i debiti pendono ancora sulle sue spalle e non gli lasciano ampio raggio di azione: vendere i cinema oppure la Sampdoria.

Per questo motivo si sarebbe aperto un ulteriore spiraglio nella vicenda. Malgrado Ferrero sia alle corde ormai, per convincerlo Vialli dovrà alzare leggermente l’ultima offerta messa sul tavolo. Come riporta Repubblica, l’ex bomber blucerchiato avrebbe proposto una base di 45 milioni di euro con una serie di bonus facilmente raggiungibili, per una cifra totale tra i 60 e i 70 milioni di euro. Al Viperetta sarebbero stati corrisposti 2,5 milioni di euro derivanti dalla vendita di Corte Lambruschini e circa 8 milioni di euro per le rilevanti cessioni del passato, come Milan Skriniar, Lucas Torreira e Patrik Schick.

In aggiunta, i ricavi dal pacchetto Andersen-Praet: 12 milioni di euro garantiti più il 33% sulla differenza di prezzo se i due calciatori fossero stati venduti per più di 50 milioni di euro. Infine, sul conto in banca di Ferrero sarebbero stati versati 10 milioni di euro per la permanenza in Serie A nelle stagioni 2019/2020 e 2020/2021.