Colley festeggia il compleanno: il regalo può arrivare da Giampaolo

Colley Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Il difensore gambiano cercherà di regalarsi il posto da titolare per la partita contro il Milan

Dopo un precampionato vissuto da assoluto protagonista, sempre titolare al centro della difesa a fianco di Joachim Andersen e in campo dal primo minuto nella sfortunata trasferta di Udine, Omar Colley ha poi dovuto sedersi in panchina nelle partite successive per l’arrivo a Genova di Lorenzo Tonelli. Il centrale ex Napoli, a suo agio con i movimenti della linea di Marco Giampaolo, molti simili a quelli utilizzati in azzurro da Maurizio Sarri, ha strappato al difensore gambiano la maglia da titolare e non l’ha più lasciata, salvo per un po’ di turn-over a Frosinone e Cagliari. Difficile dare torto a Giampaolo per una scelta del genere, dato che quella blucerchiata è la difesa meno battuta della Serie A: chiara invece, da parte di Colley, la voglia di riconquistare il posto fra gli undici titolari.

Colley che, peraltro, quest’oggi festeggia il proprio ventiseiesimo compleanno: inutile dire quale il difensore vorrebbe che fosse il proprio regalo, da scartare idealmente domenica sera quando negli spogliatoi il tecnico doriano renderà noti i titolari per la gara contro il Milan. D’altro canto, la fiducia di Giampaolo in Tonelli e Andersen, in questo momento, è giustamente massima, e sarebbe forse incauto toccare i meccanismi difensivi in una fase in cui le cose sembrano girare, da questo punto di vista, davvero a meraviglia. Certo è che Colley dovrà darsi da fare, a partire da ogni singolo allenamento, se vorrà riconquistare il suo posto nel pacchetto arretrato: e chissà che magari l’allenatore doriano non decida di premiare il centrale per la propria perseveranza, concedendogli non certo un regalo ma una possibilità da sfruttare al massimo per poterlo mettere in difficoltà, magari, questo non lo si può certo sapere, già dalla partita di Milano.

Articolo precedente
Benedetti convince: il sosia di Praet può restare
Prossimo articolo
Zenga si sfoga: «Cambio di allenatore? Guardate la Samp»