Connettiti con noi

Hanno Detto

D’Aversa: «Sampdoria in mare aperto. Infortunati? Vieira presto in gruppo» – VIDEO

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Conferenza stampa D’Aversa: le dichiarazioni dell’allenatore blucerchiato alla vigilia di Sampdoria-Verona

(Francesca Faralli, inviata a Bogliasco) – Roberto D’Aversa ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Sampdoria-Verona, match valevole per la quattordicesima giornata del campionato di Serie A. Ecco le dichiarazioni dell’allenatore blucerchiato, raccolte dalla redazione di sampnews24.com.

SALERNO – «Sicuramente un risultato importante e non scontato a Salerno. Per quanto mi riguarda mi sento ancora in mare aperto. Sappiamo che percorso dobbiamo fare e che dobbiamo dare continuità».

VERONA – «Nel mese di novembre il Verona è stata una squadra che ha dimostrato molto in condizione. Dobbiamo ragionare però su di noi, sul nostro percorso. Dobbiamo fare la prestazione e i risultati nel nostro stadio. Dobbiamo dare un motivo al pubblico per venire allo stadio a darci una mano. Dobbiamo ragionare su quello che possiamo determinare. Soprattutto su quello che dobbiamo fare nelle due fasi della partita per ottenere un risultato positivo».

CAPRARI – «Caprari? Rimpianti no. Non serve a nulla guardarsi indietro. Guardiamo al presente. Noi ragioniamo su noi stessi e dobbiamo limitare lui e gli altri che stanno facendo bene. Mi piace ragionare sui miei giocatori e non sugli altri. È un calciatore con grande qualità».

INFORTUNATI – «Vieira e Damsgaard, Torregrossa e Depaoli non saranno convocati. Tutti gli altri ci saranno».

GABBIADINI – «Gabbiadini sta meglio, valuteremo gli undici iniziali. Ragioneremo anche sul calendario e ci sarà possibilità per tutti di giocare. Manolo si è allenato bene con la squadra».

CAPUTO – «Non solo nel caso del fuorigioco ma anche in altre circostanze avremmo dovuto essere più bravi. Magari ci siamo tenuti qualcosa per domani. Tutti gli attaccanti vivono per il gol. Caputo e Quagliarella sono i primi a rientrare e partecipare alla fase difensiva e questo comunque è da tenere conto».

DEFEZIONI IN ATTACCO – «Ha influito molto non avere alternative in attacco. Ma sotto questo punto di vista non ci siamo creati alibi. Credo che nonostante le assenze la squadra abbia fatto percorsi di prestazioni importanti. Si è vinto a Empoli, pareggiato con l’Inter e con il Sassuolo. È ovvio che è il risultato che fa la differenza. Siamo tornati alla vittoria, ma mentalmente abbiamo sempre lavorato con entusiasmo e bene. Non è euforia, sia chiaro. L’unico obiettivo che dobbiamo avere è ragionare sui presenti e cercare di fare il risultato. Quando i ragazzi vanno in campo da squadra possono mettere in difficoltà chiunque».

AUDERO – «Porta inviolata? Credo che sia fondamentale. La cosa che fa la differenza è proprio quella».

FERRARI – «Ferrari mi ha soddisfatto fino a che ha mantenuto la condizione fisica poi l’ho sostituito. Ha fatto un ottima gara. Le due settimane di allenamento ha fatto sì di meritare di partire dall’inizio a prescindere dalle condizioni di Maya Yoshida. L’allenatore valuta gli allenamenti e decide l’undici che scende in campo. È brutto dover fare una scelta quando se lo meritano tutti, potrebbe partire dall’inizio come no. Dobbiamo ancora allenarci e poi sceglierò».

TORREGROSSA E VIEIRA – «Torregrossa sta pagando l’infortunio della prima di Coppa Italia e diverse situazioni che non l’hanno portato nella condizione possibile. Ha caratteristiche diverse dagli altri attaccanti. Vieira? Spero che nella prossima settimana possa inserirsi con il resto della squadra perché ha delle caratteristiche importante. È un ragazzo che nel momento che lo avrò a disposizione potrà dare una grande mano».

Advertisement

Facebook

Advertisement