Contratti Serie A: i consigli per i calciatori in scadenza

© foto www.imagephotoagency.it

L’Associazione Italiana Calciatori ha pubblicato un vademecum per risolvere il rebus legato ai contratti in scadenza in Serie A

A seguito della pubblicazione da parte della FIGC del C.U. n. 228/A, l’AIC ha pubblicato sul proprio sito ufficiale alcune semplici indicazioni per poter risolvere le problematiche connesse alla prosecuzione della stagione sportiva al 31 agosto 2020, a seconda delle varie posizioni contrattuali.


Calciatori in scadenza di contratto il 30 giugno 2020

Nessuno potrà obbligarti a sottoscrivere un accordo di prosecuzione del rapporto lavoro per il periodo dal 01/07/2020 al 31/08/2020. Analogamente, nessuno può importi di firmare un accordo che preveda un obbligo di prestazione lavorativa per luglio e agosto 2020 senza retribuzione; come già detto in precedenza, le norme sui contratti di lavoro, non ultima la legge n. 91/1981 sul lavoro sportivo, riconoscono espressamente l’onerosità della prestazione. La base delle trattative per la prosecuzione del rapporto anche nei mesi di luglio e agosto 2020 dovrà essere l’importo mensile del contratto in scadenza; è importante che ognuno di voi riesca a raggiungere un accordo con il Club, precludendo esplicitamente ogni possibilità di contenzioso sugli stipendi di questa stagione sportiva. Se alcuni di voi avessero in precedenza firmato un contratto preliminare con altro club italiano o straniero, non sarà possibile giocare con il nuovo Club prima del 1° settembre 2020; in questo caso sarà opportuno trovare preliminarmente un accordo con il nuovo Club sul pagamento delle retribuzioni previste nel contratto per la s.s. 2020/2021, senza alcuna riduzione e confermando la suddivisione in n. 10 ratei mensili di uguale importo, in linea con le raccomandazioni FIFA. In caso di mancato accordo con i due club, il tuo attuale contratto terminerà il 30 giugno 2020 e, come stabilito dalle raccomandazioni FIFA, potrai richiedere alla nuova Società il rispetto integrale del nuovo contratto».