Coppa Italia Primavera, Sampdoria-Genoa 1-2: sintesi e tabellino

Primavera Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La Primavera blucerchiata completa a metà la rimonta, i rossoblù accedono ai quarti di finale della Coppa Italia: la rivincita sarà lunedì

Non c’è pace nella stagione della Primavera della Sampdoria. La formazione doriana, ultima in classifica in campionato e reduce dall’avvicendamento tra Simone Pavan e Massimo Augusto, è costretta ad abbandonare la Coppa Italia agli ottavi di finale. Oltre al danno la beffa perché a riceverne i favori è il Genoa, capace di sbloccare il risultato al 14′ del primo tempo con Zanimacchia, ben appostato sul secondo palo per appoggiare in rete il traversone di Karic dalla fascia destra. Allo scadere dei primi 45 minuti, però, il “Comunale” di Chiavari si tinge di blucerchiato grazie al rigore trasformato da Balde, steso precedentemente in area da Palmese. La ripresa non cambia la trama e il Genoa si rende maggiormente pericoloso, tanto da passare nuovamente in vantaggio al 34′ con il tap-in vincente di Micovschi, servito dal passaggio di Zanimacchia.

Il 2-1 finale potrebbe essere riscattato lunedì prossimo, quando il Derby della Lanterna prenderà vita tra le mura del “Gambino” di Arenzano per l’undicesima giornata di campionato. Il tecnico della Sampdoria Pavan vuole dunque sottolineare gli aspetti positivi della prestazione dei suoi: «È stata una partita ottima nel primo tempo, che i ragazzi hanno gestito bene. Nel secondo tempo abbiamo interpretato male alcune situazioni e siamo stati giustamente puniti dagli avversari. Purtroppo non siamo riusciti a fare ciò che avevamo in mente – ammette con rammarico ai microfoni di Sportitalia, ci è mancata la voglia di attaccare la porta che ha impedito al nostro attaccante Prelec di rendersi pericoloso negli ultimi metri di campo».

Coppa Italia Primavera, Sampdoria-Genoa 1-2: il tabellino

MARCATORI: p.t. 14’ Zanimacchia, 46’ rig. Balde; s.t. 34′ Micovschi.

SAMPDORIA (4-3-1-2): Hutvagner; Tomic, Oliana, Veips, Doda; Perrone (dal 29′ s.t. Ejjaki), Gabbani (dal 43′ s.t. Cappelletti), Tessiore; Curito; Prelec (dal 16′ s.t. Yayi Mpie), Balde. A disposizione: Krapikas, Fido, Ferrazzo, Romei, Cassaghi, Scotti, Aramini, Cappelletti. Allenatore: Pavan.

GENOA (4-3-3): Rollandi; Zanoli (dal 42′ s.t. Seno), Palmese (dall’8′ s.t. Tazzer), Altare, Oprut; Karic, Sibilia, Silvestri; Micovschi, Salcedo (dall’8′ s.t. Romairone), Zanimacchia. A disposizione: Bulgarelli, Piccardo, Tagliabue, Trabacca, Pedersen, Bruzzo, Zola, Costa, Gibilterra. Allenatore: Sabatini.

ARBITRO: Sozza di Seregno. Assistenti: Zingrillo di Seregno e Graziano di Mantova.

NOTE: ammonito al 14′ s.t. Perrone per gioco scorretto; recupero 2’ p.t. e 3′ s.t.