Connettiti con noi

Avversari

Torino, Juric: «Partita alla pari con la Sampdoria. Due gol così non esistono»

Pubblicato

su

Ivan Juric, allenatore del Torino, ha commentato la sconfitta rimediata in Coppa Italia contro la Sampdoria: le sue dichiarazioni

Ivan Juric, allenatore del Torino, ha commentato la sconfitta rimediata in Coppa Italia contro la Sampdoria. Le sue dichiarazioni in conferenza stampa.

PRESTAZIONE – «La squadra era molto competitiva. Qualcuno ha fatto bene e qualcuno ha fatto male. Era una partita alla pari dove si poteva fare meglio. Abbiamo preso due gol che non si possono prendere. Sono cose che nel calcio sono decisive e noi siamo mancati in queste cose».

MANDRAGORA – «L’ho visto bene. Ansaldi è normale che deve entrare ancora in forma. Ha fatto tanti minuti. Ci sono state poi prestazioni che mi sono piaciute e altre no».

GOL DEL 2-1 – «Il batti e ribatti è diventato tutto così. Il batti e ribatti ti permette di avere l’inerzia della partita. Il primo gol, se andiamo così sulle seconde palle col Verona prendiamo sei gol. Queste sono cose che decidono. Noi abbiamo fatto una bell’azione sul rigore ma noi oggi siamo stati un po’ meno di quello che possiamo essere».

CALCIO POCO TECNICO – «Sì, ti passano sopra se sei tecnico. Non c’è più niente di lento e compassato. Basta vedere gli altri campionati come giocano in velocità. Non è forza ma dinamicità del movimento. Il calcio va in questa direzione».

RINCON – «Mi è piaciuto. Abbiamo tanti centrocampisti e in allenamento l’ho messo difensore. Oggi ha fatto bene».

BREMER – «Oggi ha fatto allenamento a parte. Sembrano sensazioni positive, non siamo ancora sicuri. Speriamo di sì. Ci aspettano due partite di livello altissimo che se inizi a perdere le seconde palle ti ‘sfondano’. Sia lui che Djidji spero siano della partita».