Coronavirus, Boccia: «Dal 18 maggio possibili aperture anticipate»

Coronavirus mondo
© foto www.imagephotoagency.it

Coronavirus, il ministro Boccia fa il punto in vista del 18 maggio: «Potrebbero esserci aperture anticipate»

È iniziata la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus. Fino al 17 maggio resteranno in vigore i precetti contenuti nel Dpcm 26 aprile 2020, poi verrà valutata la situazione e prese le decisioni riguardo agli esercizi commerciali ancora chiusi e ai divieti ancora in essere per i cittadini.

Il ministro per gli affari regionali e le autonomie Francesco Boccia fa il punto: «Dobbiamo concludere il monitoraggio del ministro Speranza, dall’11 al 14 maggio ci saranno le nuove linee guida per bar, ristoranti, centri estetici, parrucchieri, negozi al dettaglio. Poi, dal 18 maggio, probabilmente ci saranno regioni che potranno fare in sicurezza. Ma prima del 18 lo escludo. Dopo il 18 ci sarà una valutazione del Cdm su base scientifica e la differenziazione territoriale sarà molto probabile», ha precisato ai microfoni de L’aria che tira su La7.