Connettiti con noi

News

Coronavirus, nuovo Dpcm: come cambiano le restrizioni

Pubblicato

su

Coronavirus, entra oggi in vigore il nuovo Dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte: ecco come cambiano le restrizioni

Entra oggi il nuovo Dpcm emesso dal Governo e firmato dal premier Giuseppe Conte, insieme al Decreto Spostamenti anch’esso già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Ecco come cambiano le regole e le restrizioni anti contagio.

Dpcm con validità di 50 giorni  – È una novità assoluta, in quanto sinora aveva scadenza 30 giorni. Di conseguenza, quello che sarà pubblicato nelle prossime ore ci accompagnerà dal 4 dicembre fino al 15 gennaio.

Divisione per zone – L’Italia resta gialla, arancione e rossa a seconda della rispettiva situazione di rischio della regione di riferimento. Rimangono in piedi tutte le restrizioni previste dal precedente DPCM.

Dal 21 dicembre al 6 gennaio – Durante le feste natalizie non ci si potrà infatti spostare tra regioni, anche se in zona gialla. Nei giorni 25 e 26 dicembre, nonché 1 gennaio, saranno inoltre vietati gli spostamenti anche tra comuni della stessa regione. Restano consentiti in caso di esigenze lavorative, urgenza, esigenze di salute o di studio, rientro presso il proprio residenza, domicilio, o abitazione.

Seconde case – Il trasferimento verso le seconde case durante il periodo natalizio sarà possibile soltanto se situate in altro comune della stessa regione di residenza, fatta eccezione per i giorni del 25 e 26 dicembre e dell’1 gennaio, nei quali sarà invece vietato. Fuori del lasso di tempo dal 21 dicembre al 6 gennaio, ovviamente, varrà la regola generale per le zone, gialle, arancioni o rosse che siano.

Coprifuoco a Capodanno – Resta in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 5 di mattina, ma per l’1 gennaio durerà più a lungo, perché sarà in vigore dalle 22 del 31 dicembre alle 7 di mattina dell’1 gennaio.

Niente veglione negli alberghi –  Il 31 dicembre i ristoranti degli alberghi dovranno chiudere alle 18.

Quarantena per chi va all’estero – Gli italiani che andranno all’estero nel periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio dovranno sottoporsi a un periodo di quarantena al rientro in Italia. Stesso provvedimento per i turisti stranieri che dovessero venire nel nostro Paese dal 21 dicembre al 6 gennaio.

Bar e ristoranti aperti a pranzo a Natale – Nelle zone gialle, potranno rimanere aperti anche i giorni 25 e 26 dicembre. Nessuna restrizione ulteriore sotto questo profilo.

Scuole – Il ritorno alla didattica in presenza, nelle scuole secondarie, è previsto a partire dal 7 gennaio e si partirà col 75% degli studenti.

Negozi aperti fino alle 21 – Dal 4 dicembre al 6 gennaio, per promuovere gli acquisti natalizi. Fanno eccezione, nel weekend, nei festivi e nei pre-festivi, i centri commerciali dove potranno rimanere aperti soltanto alimentari, farmacie, parafarmacie, sanitari, tabaccai e vivai.

Sci – Gli impianti sciistici rimarranno chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio.