Coronavirus, premier Conte: «Governo non ha mai abdicato ai suoi doveri»

Conte Coronavirus
© foto www.imagephotoagency.it

Ecco la lettera del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla situazione sanitaria italiana a causa della nuova diffusione da Coronavirus

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, ha inviato una lettera a La Repubblica in merito alla situazione delicata che sta vivendo l’Italia dopo la seconda ondata di Coronavirus.

«Sono giorni difficili per l’Italia, alle prese con una situazione epidemiologica divenuta particolarmente critica nelle ultime settimane. Sono giorni di nuove restrizioni e di scelte mirate a prevenire scenari di maggiore sofferenza. Non è costume mio o di questo esecutivo minimizzare, derubricare a polemiche le obiezioni poste al nostro quotidiano lavoro: abbiamo da subito scelto la strada della trasparenza, rifuggendo noi stessi ricostruzioni di comodo. Non posso però accettare che passi il messaggio di un presidente e di un governo che hanno abdicato ai propri doveri approfittando della pausa estiva, che un solo weekend passato al mare o una singola cena a margine di un appuntamento istituzionale vengano così strumentalmente sottolineati. Chiarisco, allora, che questa estate non ho mai concesso pause alla mia attività istituzionale. Anche nel mese di agosto sono stato sempre immerso nello studio dei vari dossier e nella soluzione dei vari problemi, avendo cura, insieme ai ministri competenti e ai vari esperti, che la piena ripresa delle varie attività sociali ed economiche avvenisse in piena sicurezza. Anche nel periodo più caldo agostano ho preferito non allontanarmi da Palazzo Chigi, rimanendo a mezz’ora dal mio ufficio e continuando a fare riunioni pressoché quotidiane da remoto. A dirla in breve il governo la scorsa estate non è mai andato in vacanza».