Coronavirus, Ranieri sui tamponi: «Non possiamo scavalcare i cittadini»

ranieri sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Coronavirus, Ranieri sui tamponi: «Non possiamo scavalcare i cittadini»

Il Codacons ha già giurato guerra ai “furbetti” dei tamponi. I VIP, e quindi anche i calciatori, data la disponibilità economica elevata riescono ad accedere più facilmente ai test per sapere se si è positivi al Coronavirus. Claudio Ranieri, però non vuole passare avanti a nessuno.

«È giusto fare tamponi, come i test sierologici. Ma in questo momento c’è gente che ne ha più bisogno di noi. Non possiamo scavalcare i cittadini – ammette il tecnico della Sampdoria al Corriere della Sera – non sarebbe né giusto, né etico. Ho degli amici che sono stati ammalati e il tampone non sono riusciti a farlo perché non se ne trovano e perché non ci sono i reagenti».