Curci: «Alla Samp sarei rimasto anche in Serie B»

curci
© foto www.imagephotoagency.it

Gianluca Curci ricorda le esperienze con Bologna e Sampdoria: «Belle ma sfortunate. A Genova sarei rimasto anche in B, ma non ci fu l’opportunità»

Solo una stagione con la maglia della Sampdoria per Gianluca Curci, e di certo non positiva. Chiamato a raccogliere la pesante eredità di Marco Storari, l’ex portiere blucerchiato non solo ha vissuto sulla sua pelle l’eliminazione dalla Champions League, ma anche la dolorosa retrocessione arrivata al termine del campionato 2010-2011. Stesso epilogo a Bologna, l’anno successivo: «Due esperienze bellissime ma sfortunate – esordisce ai microfoni di Sky Sport -, soprattutto alla Sampdoria, dove eravamo partiti alla grande. Alla fine del girone di andata eravamo la miglior difesa e poi siamo retrocessi. Sarei rimasto anche in Serie B, ma non ci fu l’opportunità. A Bologna, dove sono stato benissimo e ho un grande ricordo, anche lì fummo sfortunati. Partiti bene – ricorda Curci – poi ci fu il caos societario e tecnico. Con il cambio ai vertici arrivò Corvino e fece altre scelte. Parlai anche con Roberto Zanzi e gli diedi la mia disponibilità. Ma lui era in uscita e anche lì non rimasi, pur volendo». Attualmente svincolato, il classe ’85 muore dalla voglia di tornare tra i pali e sta aspettando che qualche squadra gli dia fiducia: «Mi alleno tutti i giorni a Roma con un preparatore personale. Aspetto una chiamata. Italia o estero? Va bene tutto – conclude – basta che sia un progetto interessante».

Articolo precedente
bogliascoBogliasco, ripresa con tre rientri: Muriel inizia la riabilitazione
Prossimo articolo
sabatini romaSabatini e il mancato arrivo di Schick: «Non avevo i soldi per prenderlo»
  • antman79

    Ma scherziamo o cosa? Una stagione da dimenticare appieno, con te che hai fatto le migliori cappellate e parli pure? Magari saremmo andati in C con te!!!
    No no, resta dove stai e non tornare