Dalle ferie estive ai cinque cambi: le richieste dei calciatori

Emergenza Coronavirus serie a partite
© foto www.imagephotoagency.it

La FIFPRO presenta l’elenco delle richieste dei calciatori in vista della prossima stagione: ferie estive, stop invernali e mantenimento dei cinque cambi

La FIFPRO ha presentato l’elenco delle richieste dei calciatori alla UEFA: dalla conferma delle ferie estive, alla pausa invernale, fino alle garanzie dei cinque cambi in futuro. Ecco le richieste contenute nel comunicato ufficiale.

  • Sulla base di consigli medici, FIFPRO ha richiesto una pausa fuori stagione da cinque a sei settimane. In questa situazione unica, almeno, i periodi minimi di vacanza concordati contrattualmente devono essere rispettati per le prossime pause. Nella maggior parte dei paesi sono almeno tre settimane. Questo dovrebbe essere seguito da un periodo di preparazione per evitare lesioni. Non è accettabile che l’alterazione dei calendari della concorrenza porti alla pressione di violare questi diritti.
  • FIFPRO ha richiesto una pausa obbligatoria di metà stagione tra 10 e 14 giorni . Questo ora diventa più importante che mai durante quello che sarà un programma di partite altamente congestionato per molti giocatori nei prossimi 2-3 anni
  • Dovrebbero essere stabiliti i principi di gestione del carico di lavoro individuale per limitare il più possibile calciatori che giocano partite consecutive senza tempi di recupero adeguati. La ricerca ha mostrato un aumento dei tassi di infortuni quando il calendario prevede meno di sei giorni di riposo tra le partite. Questa frequenza di abbinamento sarà la norma nel prossimo periodo, quindi la gestione del carico individuale deve essere regolamentata.
  • I consigli di viaggio e i protocolli di salute e sicurezza relativi a Covid-19 si stanno evolvendo in diversi paesi e continueranno ad avere un impatto sul calcio. Sono necessari standard chiari per prevenire qualsiasi pressione indebita o misure disciplinari applicate ai giocatori che potrebbero mettere la propria salute e quella della famiglia al di sopra degli obblighi di gioco. Parallelamente, FIFPRO è fermamente convinto che le recenti modifiche alle regole come l’aumento del numero di sostituzioni dovrebbero essere estese.