Connettiti con noi

Hanno Detto

Serie A, presidente collegio revisori: «Alcuni club sono in difficoltà»

Pubblicato

su

Maurizio Dallocchio, presidente del collegio revisori della Serie A, ha parlato dell’indice di liquidità: ecco le sue dichiarazioni

Maurizio Dallocchio, presidente del collegio revisori della Serie A, ha parlato dell’indice di liquidità. Le sue dichiarazioni riportate da Milano Finanza.

INDICE DI LIQUIDITA’ – «È un indicatore usato dalle aziende per valutare la solvibilità a breve termine. Mette in relazione le attività – ossia tutto ciò che è liquidità o investimenti liquidabili entro 12 mesi dalla data in cui viene redatto il bilancio – con le passività, cioè debiti che sono o diventeranno pagabili nei successivi 12 mesi. Il buon senso suggerisce che questo rapporto sia superiore a 1 per avere un attivo superiore ai debiti. La FIGC ha scelto questo parametro con un numero più basso che è 0,5 con una tendenziale convergenza, a mio modo di vedere, verso l’1. Poi però c’è stato il Covid. I club hanno perso tra 30 e 40% dei ricavi. Se il parametro pre Covid era 0,6 non può esserlo anche adesso. Se si guarda l’Ebitda delle squadre italiane, dal 2019 al 2020 il flusso di cassa è diminuito del 31%. Rispetto al 2018 è sceso quasi del 40%. Il parametro, a mio parere, va portato a 0,4. Penso che Figc alla fine accetterà. C’è un margine di negoziazione perché la federazione non ha interesse a bloccare l’iscrizione delle squadre al campionato: cerca semplicemente un modello più sostenibile per il calcio. Questi parametri devono entrare in vigore prima dell’iscrizione al prossimo campionato. La trattativa va perfezionata entro i prossimi 10 giorni, non oltre».

CLUB NON AMMESSI –
«Non so dire il numero preciso perché non conosco i loro conti, ma qualcuna è deficitaria per certo. Anche perché questo settore, che muove un giro d’affari considerevole, non ha ricevuto un euro di sostegno pubblico da post-Covid».