Damsgaard: «Visita a Genova decisiva. Confido nella Sampdoria»

Sampdoria Damsgaard
© foto Twitter

Sampdoria, parla Damsgaard: «Contento di essere stato personalmente a Genova. Sono fiducioso per la mia scelta»

L’emergenza Coronavirus ritarderà il suo arrivo in Italia, ma il promesso sposo blucerchiato Mikkel Damsgaard non sta nella pelle per cominciare la sua nuova avventura alla Sampdoria (il club di Corte Lambruschini lo ha acquisto lo scorso inverno dal Nordsjaelland). Il centrocampista danese ha fatto il punto della situazione ai taccuini di tipsbladet.dk.

SOPRALLUOGO – «Ho dovuto pensare a vari aspetti, perché è stata una grande decisione, ma mi si sono sentito davvero a mio agio e al sicuro dopo essere stato lì. Sono rimasto a Genova per alcuni giorni per vedere tutto e incontrare persone. Sono contento di averlo fatto».

OTTIMISMO – «Mi hanno spiegato cosa volevano fare con me e che avevo sei mesi per finire la stagione in Danimarca e prepararmi alla nuova avventura, imparare la lingua e altre cose del genere. Hanno creduto molto in me, quindi mi sento molto fiducioso per la mia decisione».

ARRIVO RIMANDATO – «Farmi rimanere al Nordsjaelland non è stata un’idea della Sampdoria. Forse loro avrebbero voluto avermi subito, ma hanno anche pensato che stessi vivendo una buona stagione qui».

CORONAVIRUS – «Come tutti, resto in attesa di quello che succederà. Mentirei se dicessi che non è fastidioso, ma non si può fare granché quindi devo solo aspettare. Cerco di non pensarci troppo».