De Zerbi sprona il Sassuolo: «Non andiamo a Genova in ciabatte»

de zerbi sassuolo
© foto www.imagephotoagency.it

De Zerbi su Samp-Sassuolo: «Scontro diretto. Bisogna cambiare testa, vinciamo una partita e pensiamo di andare a Genova in ciabatte»

SAMPDORIA-SASSUOLO: LE PROBABILI FORMAZIONI
SAMPDORIA-SASSUOLO: I CONVOCATI

Domani il Sassuolo affronterà la Sampdoria in trasferta al “Ferraris” per la seconda giornata del girone di ritorno. Il tecnico neroverde Roberto De Zerbi: «È una partita che serve perché è uno scontro diretto, perché le ultime due trasferte le abbiamo perse e perché è giusto dare continuità, non abbiamo mai fatto due vittorie di fila ed è una cosa che dobbiamo ricercare, sapendo che la Samp è una squadra tosta, esperta, sanno creare pericoli ed è una partita da prendere con le molle»

«Dobbiamo stare attenti quando ci vanno bene le cose, di intravedere sempre il pericolo ma non solo in un periodo positivo, ma nella partita stessa. Quando abbiamo il possesso per tanto tempo, quando ci sembra che stia venendo tutto facile dobbiamo tenere la spia accesa. Dobbiamo capire i momenti della gara, capire in che stadi giochiamo senza dar coraggio a una squadra che in quel momento della gara può essere in difficoltà».

De Zerbi bacchetta i suoi sull’approccio alle gare: «Noi veniamo da una vittoria. Quando parlo di ambiente interno parlo proprio di questo. Perdiamo due partite e facciamo fatica a far uscire la voce perché siamo impauriti, vinciamo una partita e pensiamo di andare a Genova e giocare in ciabatte. Uno deve avere un certo equilibrio, deve far emergere quello che di buono fatto, anche a Genova contro il Genoa. Dobbiamo cercare l’equilibrio senza che ci sposti troppo la vittoria o la sconfitta». Sul possibile impiego dell’ex blucerchiato Filip Djuricic: «Quando è entrato con Genoa e Torino ha fatto bene, così come sta facendo bene Traoré. Sono giocatori importanti».

Il tecnico degli emiliani passa a parlare degli avversari di giornata: «La Samp ha tanti giocatori di qualità, loro erano settimi-ottavi lo scorso anno con parte della rosa attuale, hanno qualità. L’ho detto alla squadra, probabilmente occupano una posizione di classifica, per tanti motivi, ma per la qualità dei giocatori non dice quello. È una partita difficile ma noi possiamo fare bene, anche dal punto di vista tattico».

Sull’assetto tattico che la Sampdoria adotterà domani: «4-4-2? Hanno giocato anche a rombo. Ha degli esterni che sono delle mezzali e giocano tanto dentro al campo e sanno stare in campo. Col Milan hanno difeso tanto ma potevano anche vincere la partita, ma anche a Roma con la Lazio hanno avuto la prima occasione con Linetty, poi conosciamo il valore della Lazio».