Di Natale: “Muriel è fortissimo. L’Europa? Mi piacerebbe tornarci”

© foto www.imagephotoagency.it

Alla vigilia del match di domani sera contro il Liverpool, Antonio Di Natale ha parlato della situazione attuale dell’Udinese ma anche della simbolica eliminazione dall’Europa League che pare sancire la fine di un ciclo vincente per i friulani. Ecco quanto riporta udinese.it, il sito ufficiale della società bianconera: 

Hai l’ambizione di giocare nuovamente in Europa con la maglia bianconera?

Speriamo, quest’anno pensiamo a fare un altro tipo campionato. La vittoria di domenica ci ha dato una classifica un po’ più tranquilla, ma dobbiamo pensare a lavorare. Io non so quando si arriverà di nuovo in Europa, ma mi piacerebbe rigiocarci prima di smettere”.

La Coppa Italia può essere un obiettivo fondamentale della questa stagione?

Ci teniamo tutti e il 19 incontriamo una squadra fortissima come la Fiorentina. Se riusciamo a battere loro possiamo provare ad arrivare in finale. Io ci punto molto e anche la società e il mister”.

Domenica, nonostante l’assenza di gol, hai giocato forse la miglior partita dell’anno. Ti senti al massimo della forma?

Stavo bene anche prima, ma è normale dopo un campionato difficile e un Europeo che ci sia bisogno di più tempo per stare bene. Adesso sto bene fisicamente, comincio ad avere una certa età ma cerco sempre di divertirmi”.

Quando tornerà Muriel potreste anche scambiarvi di ruolo?

Intanto speriamo che rientri presto perché secondo me è un grandissimo giocatore. La posizione in campo non è un problema e il mister lo sa, se gioco più indietro o anche in panchina non è un problema. Se i giovani stanno bene è giusto dare spazio anche a loro”.

In queste nove stagioni hai stabilito tutti i record del club, adesso hai la possibilità di entrare nella storia anche con il record di presenze europee. Sei orgoglioso?

Certo, ma come ha detto il mister domani è importante fare una bella partita. Se il mister mi darà la possibilità di fare anche un minuto per me sarà un grande un onore. Il calcio è bello anche per questo”.

Domani è prevista poca gente allo stadio, cosa ne pensi?

Domani si gioca alle 19, la gente lavora a quell’ora lavora e, inoltre, c’è anche una grande crisi. Il pubblico di Udine ha sempre fatto il massimo, speriamo possano venire sempre in tanti”. Hai già individuato il tuo erede tra i tuoi compagni? “Sono tanti quelli bravi, ma non è facile. Speriamo che qualcuno possa fare quello che ho fatto io”.

Articolo precedente
Invernizzi: “Samp squadra vogliosa. I tifosi? Straordinari”
Prossimo articolo
Anche il Palermo su Sansone