Connettiti con noi

Avversari

Napoli, Gattuso: «Europa League difficile. Insigne? Deve sorridere» – VIDEO

Alessio Eremita

Pubblicato

su

gattuso napoli

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di Europa League contro la Real Sociedad – VIDEO

Gennaro Gattuso, allenatore del Napoli prossimo avversario in Serie A della Sampdoria, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di Europa League contro la Real Sociedad.

EUROPA LEAGUE – «Mi aspettavo questo girone. Dal primo giorno sapevamo che il girone era difficile, squadre ben organizzate. Il Rijeka che era considerato meno forte ha creato difficoltà a tutti, l’Az e la Real Sociedad hanno rose molto competitive».

RAZZISMO PSG BASAKSEHIR – «Difficile rispondere, bisognerebbe trovarsi di fronte a certe problematiche. Per combattere il razzismo bisogna dare segnali forti, ieri è stato un segnale forte. Chi ha deciso lo ha fatto in buona fede. Sicuramente non è stata una bella storia di calcio».

FABIAN – «Ha recuperato e sarà a disposizione».

FILOSOFIA DI GIOCO – «Penso di aver fatto buone cose. Il mio staff ed io siamo soddisfatti del lavoro fatto. Abbiamo a disposizione una squadra forte, eravamo convinti e lo siamo ancora che fosse la squadra perfetta per come vediamo noi il calcio. Non so a che percentuale siamo, ma so che abbiamo fatto buone cose».

INSIGNE – «Lorenzo non deve sorridere perché fa i gol, ma perché viene a Castel Volturno ad allenarsi. Con lui ho un rapporto schietto, sa che per valorizzare tutto quello che fa in campo deve comportarsi in un certo modo. Sta crescendo anche in questo. Per questo mi sono permesso di dire quelle cose, sta crescendo molto. È il capitano e deve essere sempre impeccabile in tutto quello che fa».

MENTALITA’ – «La mentalità è un elemento importante. Quando non troviamo le nostre giocate sul piano tecnico dobbiamo migliorare su questo, non dobbiamo andare fuori di testa quando non abbiamo il pallone. Bisogna tenere botta».

STADIO DIEGO ARMANDO MARADONA – «C’è emozione e responsabilità, anche per l’importanza del match. Diego merita tanto, per tutto quello che fatto in questa città. È un grande onore per me, ci sarà pressione ulteriore per questo».

Advertisement
Advertisement

Facebook

Advertisement