“Fair Play Day”, Pecini: «Nessun contatto ufficiale per Schick»

Pecini Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Riccardo Pecini a margine del “Fair Play Day – Premio Paride Batini” giunto alla sua quarta edizione, parla del mercato blucerchiato

Riccardo Pecini, a margine del “Fair Play Day – Premio Paride Batini“, parla anche del calciomercato blucerchiato che ha portato alla Sampdoria tanti talenti che fin da subito si sono messi a disposizione di Mister Giampaolo, vero maestro nel saper costruire questa squadra. I meriti, come afferma Pecini, vanno tutti all’allenatore che li ha seguiti fin dal primo giorno, come afferma ai microfoni della stampa: «Squadra forte e compatta? Principalmente è grazie al lavoro del Mister che è riuscito fin da subito a integrarli nei suoi schemi e nel contesto del calcio italiano, grazie alla disponibilità dei ragazzi, tutti giovani professionisti molto intelligenti che fin dal primo giorno si sono messi a disposizione del Mister» ha esordito in riferimento al campionato che la Sampdoria ha fatto fino ad oggi.

CALCIOMERCATO: SCHICK DEVE CRESCERE ALLA SAMPDORIA – E sul mercato in uscita è inevitabile parlare di Patrik Schick: piace a tante squadre, ma cosa è meglio per il talento ceco? Secondo Pecini continuare la sua crescita alla Sampdoria, il club che più velocemente se lo è aggiudicato e che lo ha voluto fortemente: «Schick? Penso che abbia pagato la nostra velocità nel muoverci sul mercato, grazie alla disponibilità del Presidente e alla nostra struttura snella che ci ha permesso di anticipare le concorrenti. Il suo futuro? Normalmente i ragazzi di talento non devono bruciare le tappe, crescere gradualmente. Per fortuna o purtroppo è il mercato che fa la crescita del ragazzo: noi crediamo che debba ancora crescere nella Sampdoria. Ufficialmente nessun contatto è pervenuto per lui, sappiamo che è seguito da molte squadre. Altri talenti all’orizzonte? Nomi farne è prematuro, stiamo lavorando. Abbiamo una squadra di giovani interessanti e il nostro obiettivo è portare avanti questo progetto. Il mio futuro? Io ho un contratto in scadenza nel 2018, c’è tempo. L’importante era il rinnovo del Mister, il resto viene di conseguenza».

PRAET CI STUPIRA’, AI GIOVANI CONSIGLI IMPORTANTI – Tra i talenti della Sampdoria c’è chi invece non è ancora “esploso”: Dennis Praet. Pecini è sicuro che l’anno prossimo farà vedere quello che vale, prendendo in mano la squadra: «Un giocatore che potrà sorprenderci è Praet, penso che da qui in avanti, soprattutto il prossimo anno sarà lui che prenderà in mano la squadra per il suo ruolo e i suoi compiti, è pronto per il calcio italiano. Primavera? Ci sono dei ragazzi interessanti, devono crescere tranquilli. È fondamentale la testa, il consiglio per i giovani è questo. Educazione, rispetto e cultura del lavoro sono la base per la crescita del ragazzo, e sono elementi fondamentali anche per la nostra scelta».

Dal nostro inviato Paolo Priolo

Articolo precedente
tozzo lega proTozzo perde la finale di Coppa, Auteri: «Arbitri, nascondete la faccia»
Prossimo articolo
Ghisleni“Fair Play Day”, Ghisleni: «Genova Calcio realtà importante»