Ferrazzo sprona la Primavera: «Manteniamo la categoria»

primavera
© foto SampTV

Primavera, Ferrazzo pensa all’appuntamento di campionato contro il Napoli: servono punti salvezza

La Primavera di Pavan ritornerà in campo sabato per affrontare i pari età del Napoli. L’obiettivo è sempre lo stesso: fare punti per conseguire la salvezza che, grazie anche alla classifica ancora corta, è a portata di mano. A caricare i compagni di squadra è Giacomo Ferrazzo, terzino mancino: «Ho iniziato a giocare a calcio nella squadra del mio paese, dopo diversi anni sono passato a Pordenone, negli allievi, poi alla Sampdoria con gli Under17. Da tre anni vesto la casacca blucerchiata, inizialmente ero molto contento perché la Samp mi voleva, sotto l’aspetto famigliare era difficile però allontanarsi così tanto da casa. Il mio percorso è stato all’inizio leggermente difficile, era un ambiente nuovo e grande ma sono riuscito ad inserirmi. Oggi sono parte di questa società: i miei mister sono stati Alessi e Bellucci, il primo anno abbiamo conseguito la finale ed è stato ricco di emozioni».

«In campo mi ispiro al Strinic, in prima squadra ricopre il mio stesso ruolo. Da lui prendo spunto per migliorarmi, ha una padronanza del gioco incredibile facendo sia la fase offensiva che difensiva in maniera ottima. Purtroppo lo scorso febbraio ho subito la lesione del crociato anteriore, è stata una batosta soprattutto mentale perché pensavo ai sei mesi lontano dal campo. Lavorando dopo l’intervento e non mollando mai sono riuscito a rientrare in campo e giocare in una gara ufficiale. Avevo paura, non si sa mai quando ti infortuni in modo grave come va a finire. Una settimana dopo il mio infortunio, i miei compagni hanno esultato dopo un gol alla Lazio con una maglia con scritto “forza Ferra”, quello mi ha dato la carica per affrontare la situazione».

«Ho dovuto saltare gran parte di questa stagione – puntualizza ai microfoni di SampTV -. Quando è arrivato mister Pavan per me e i miei compagni del reparto difensivo sapere di avere un tecnico che in carriera ha svolto il ruolo di difensore è stato un vantaggio: ci può dare consigli, colmare le nostre lacune. Siamo tanti a vivere in Casa Samp, siamo affiatati e uniti con Romei, Tessiore, Gabbani, Ejjaki. Il mio obiettivo è diventare un giocatore professionista e darò il massimo per raggiungerlo, però mi piacerebbe anche continuare il mio percorso di studi magari ad ingegneria. Prima della sosta per le feste natalizie abbiamo raccolto buoni risultati, come il derby vinto contro il Genoa. Ora dobbiamo portare sempre più punti, sabato abbiamo lo scontro diretto contro il Napoli serve la vittoria per allungare dalla zona retrocessione. Dobbiamo mantenere la categoria con la Primavera questo è l’obiettivo che abbiamo con i miei compagni, io nel futuro vorrei conquistarmi una maglia blucerchiata in prima squadra».

Articolo precedente
mustafi tifosi sampdoriaMustafi, ospiti speciali a Stamford Bridge: «Sempre forza Samp!»
Prossimo articolo
Ferrero SampdoriaFerrero su Bereszynski: «Alla Roma l’avrei dato»