Caso Livingston, Ferrero costretto a lasciare la presidenza

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La Lega Calcio ha comunicato a Massimo Ferrero che non sarà più il presidente della Samp: un esito più formale che sostanziale

Massimo Ferrero non è più il presidente della Sampdoria. La Federcalcio ha comunicato ieri mattina al diretto interessato e, per competenza, alla Lega Serie A la decadenza dall’incarico, chiudendo una vicenda che si trascinava da più di un anno.

LA STORIA – Tutto comincia il 4 febbraio 2016 quando il Gup di Busto Arsizio accoglie l’istanza presentata da Ferrero, che patteggia una condanna di un anno e 10 mesi per il crac della compagnia aerea Livingston, fallita nel 2010 e appartenente all’epoca alla Fg Holding presieduta dallo stesso Ferrero. Un caso giudiziario che ha risvolti in campo sportivo perché l’articolo 22 bis delle Noif (Norme organizzative interne federali), quello sull’onorabilità, recita così: «Non possono assumere la carica di dirigente di società o di associazione, e se già in carica decadono, coloro che siano stati o vengono condannati con sentenza passata in giudicato a pene detentive superiori a un anno» per una serie di delitti tra cui rientra la disciplina del fallimento. La decadenza, tuttavia, non è automatica. In caso di incompatibilità dovrebbe darne comunicazione a Lega e Figc il dirigente interessato. In assenza di questo passaggio, è via Allegri a muoversi d’ufficio. Prima di tutto Tavecchio chiede un parere alla Corte federale d’appello e riceve una conferma: anche i patteggiamenti, in caso di condanne superiori a un anno e per determinati reati, portano alla decadenza dalle cariche societarie. Ferrero, però, non si arrende e fa sapere agli organismi sportivi di aver intenzione di fare ricorso alla Cassazione, sebbene quel patteggiamento per il crac Livingston l’abbia chiesto lui stesso. A ottobre la Cassazione respinge il ricorso rendendo la condanna definitiva. Non è finita qui: la Figc non riceve alcuna comunicazione e deve attivarsi autonomamente per raccogliere tutti gli atti sufficienti per dirimere la controversia. Serve ulteriore tempo, gli uffici legali della Federazione sbrigano il lavoro e una volta che il quadro informativo è completo, ecco che da via Allegri parte la lettera «definitiva». Ieri mattina a Ferrero e alla Lega è pervenuta la comunicazione di avvenuta decadenza da parte della Figc.

COSA SUCCEDE? – Come ricorda “La Gazzetta dello Sport”, Ferrero rimane proprietario della Sampdoria, che nel giugno 2014 Edoardo Garrone gli cedette a titolo gratuito. L’articolo 22 bis non interviene sui legami azionari tra un soggetto e una squadra di calcio ma disciplina la compatibilità degli incarichi dirigenziali, per preservare l’onorabilità di chi riveste un ruolo rappresentativo nel mondo del calcio. Ciò significa che Ferrero dovrà cedere la presidenza (probabilmente a un suo familiare) e non potrà più rappresentare la Samp nelle sedi istituzionali, come per esempio nelle assemblee di Lega. Dal punto di vista pratico cambierà poco: Ferrero continuerà ad avere il potere decisionale sul club. La decadenza ha un valore soprattutto formale e simbolico. Sempre ammesso che Ferrero accetti la comunicazione della Figc e non si lasci tentare da ulteriori azioni, nel tentativo di mantenere la carica di presidente.

Articolo precedente
pradè sampdoriaPradè: «Schick resterà, Praet farà la differenza»
Prossimo articolo
viviano sampdoriaViviano e la sfida alla Fiorentina: «Una partita speciale per me»