Connettiti con noi

News

Sampdoria, Ferrero: «D’Aversa? Non è all’ultima spiaggia»

Pubblicato

su

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha fatto il punto sul momento della squadra blucerchiata rinnovando la fiducia a D’Aversa

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha fatto il punto sul momento della squadra blucerchiata rinnovando la fiducia a Roberto D’Aversa. Le sue parole a Il Secolo XIX sulla squadra e su come affrontare il prosieguo del campionato senza parlare di esonerare il tecnico da lui scelto per un progetto preciso..

FIDUCIA INCONDIZIONATA – «Ma perché tutti continuano a dire che D?Aversa è all’ultima spiaggia? Come lo devo dire che il tecnico gode della mia totale  fiducia così come la squadra? Abbiamo parlato, è il mio allenatore, gli parlo di continuo ma non certo per dare gli aut-aut  che leggo dovunque. Ma vi pare che un allenatore che ho scelto io, con un progetto preciso, di cui mi fido ciecamente, può essere messo in discussione dopo così poche partite? Certo che gode della mia fiducia, lui e tutta la squadra, e ripeto quanto già detto giorni fa: sono convinto che i pochi pochi raccolti finora siano frutto di episodi che ci stanno giocando contro ma se andate a vedere non è che l’anno scorso con Ranieri di questi tempi punti ne avessimo 70. Forse qualcuno di più perché le cose ci sono girate meglio, ma se non sono girate benissimo finora significa che siamo in credito con San Culino e presto raccoglieremo il dovuto».

PROGETTO PRECISO – «Ormai sono nel calcio da qualche annetto e ho imparato a capire che i filotti, quelli positivi e soprattutto i negativi, succedono durante una stagione e non bisogna enfatizzarli troppo parlando subito di panchina a rischio perché è quello realmente che indebolisce la mentalità, la psicologia di un gruppo. Se sono qui a Bogliasco in queste ore è proprio per dire il contrario: cioè che la sfortuna fa parte del gioco ma la mia fiducia è totale e sono convinto che questo gruppo e questo tecnico abbiano la forza per risollevarsi e fare bene. Anche perché l’ho scelto per un progetto preciso che non si può certo valutare in così poco tempo».

D’AVERSA – «Io non dico che finora le cose sono andate al meglio, ma dico che questo gruppo e questo tecnico sono più forti dell’attuale classifica. Chiedo solo un po’ di pazienza e di lasciarlo e lasciarci tutti lavorare come si deve. Apprezzo che adesso una parte dei tifosi rientreranno allo stadio e insieme a loro, con gli altri che spero prima o poi ritorneranno a loro volta, anche le partite casalinghe saranno più facili. E comunque credetemi: io parlo a D’Aversa e un po’ le persone le conosco e vi garantisco che il più motivato e arrabbiato di tutti è lui».