Ferrero factotum: stipendio da un milione di euro

ferrero sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria, quanti compiti per Ferrero! Lo stipendio, però, è come quello di un calciatore…

Nell’ultimo Cda della Sampdoria, risalente al 2 novembre, è stata stabilita la remunerazione per il presidente dei blucerchiati Massimo Ferrero. Il suo stipendio annuo si aggira intorno al milione di euro, più o meno come quello di un calciatore come potrebbero essere Luis Muriel o Luca Cigarini.

CDA – Il numero uno di Corte Lambruschini – rivela calcioefinanza.it – è stato confermato come presidente del consiglio di amministrazione della Sampdoria, che investe anche la figlia Vanessa e il nipote Giorgio in qualità di consiglieri: questo comporta una retribuzione di 20mila euro per Ferrero, che scende invece a 10mila per gli altri due membri.

FACTOTUM – Er Viperetta dovrà – come stabilito proprio dal Cda – occuparsi di più cose, non solo di firmare e rappresentare legalmente la Sampdoria: avrà il compito, ad esempio, di curare i rapporti con le federazioni, di stipulare contratti relativi ai tesserati Figc o alle sponsorizzazioni. Ferrero rivestirà quindi anche il ruolo di Amministratore Delegato, e nel verbale del Cda sono ben 42 i punti riguardanti i suoi poteri all’interno del club blucerchiato.

STIPENDIO – Da grandi poteri, direbbe qualcuno, derivano grandi responsabilità. E perciò la figlia Vanessa – si legge nel documento – ha proposto una retribuzione annua di 960mila euro per papà Ferrero; a questi dovranno poi essere sommati i 20mila relativi al Cda. Il totale ammonta quindi a quasi un milione di euro, cifra lorda da cui dovranno essere sottratte le tasse.

CALCIOMERCATO E RIUNIONI – Il documento in questione, oltre che delle operazioni portate a termine nell’ultima sessione di mercato, parla poi dei ruoli che i dirigenti della società saranno chiamati a ricoprire: il segretario generale Ienca, affiancato dal ds Osti, si occuperà degli atti federali. Il duo, con l’aggiunta dell’avvocato Antonio Romei, sarà anche delegato alla partecipazione delle assemblee di Lega e FIGC.